1. ANSA.it
  2. Foto
  3. Primopiano
  4. Principe Alberto II Monaco cittadino onorario di Genova
23 aprile, 18:43 Primopiano

Principe Alberto II Monaco cittadino onorario di Genova

© ANSA
 © ANSA

(ANSA) - GENOVA, 23 APR - "E' un grande onore ricevere la cittadinanza onoraria della città di Genova, perché la storia dei miei avi ha avuto inizio qui". Lo ha detto Alberto II di Monaco dopo che il sindaco Marco Bucci gli ha conferito la cittadinanza onoraria di Genova durante la cerimonia in occasione della festa della Bandiera di San Giorgio a Palazzo Ducale. "Tutto ha avuto inizio qui - ha detto Alberto di Monaco - , sebbene la rocca di Monaco si sia progressivamente emancipata dal governo di Genova, di cui nel XIII secolo era roccaforte sulla frontiera occidentale e abbia affermato la propria indipendenza e sovranità nei confronti della Superba, i legami non si sono mai spezzati. I miei avi hanno a lungo mantenuto rapporti economici e culturali con i loro cugini genovesi, Genova è stato uno straordinario laboratorio di creazioni artistiche dal XVI al XVIII secolo ed è rimasta un polo di attrazione". Tra qualche sorriso del sindaco Bucci e del pubblico in sala il principe Alberto di Monaco ha ricordato anche "il fallito tentativo della Repubblica di Genova di riprendersi il Principato di Monaco" tra il 1506 e il 1507.
    "Siamo qui con il principe Alberto, nostro vicino di casa, con il quale lavoriamo per far crescere il Ponente ligure - ha detto il governatore ligure Toti - La bandiera di Genova è qualcosa di più grande di noi, vuol dire tornare indietro di molti secoli e ricordare la storia di tanti uomini, sia quelli illustri che hanno lasciato un segno che quelli meno famosi che comunque hanno contribuito a fare di Genova quello che è". Quest'anno "la Festa della Bandiera si intreccia con due eventi molto speciali: Euroflora e la consegna della cittadinanza onoraria al principe Alberto - sottolinea Bucci - Due momenti importanti per la nostra città, occasioni di promozione e orgoglio. La Festa della Bandiera deve essere proprio questo: ribadire il nostro senso di appartenenza e il nostro amore per Genova". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Tutte le foto

Modifica consenso Cookie