Birmania, nuove accuse contro Aung San Suu Kyi

Contestata violazione delle norme per l'emergenza coronavirus

Contro l'ex leader di fatto del governo birmano, Aung San Suu Kyi, è stata emessa una nuova accusa relativa alla violazione delle norme per l'emergenza coronavirus. Lo ha detto oggi il suo avvocato. Il nuovo capo di imputazione è il sesto contro il premio Nobel per la Pace (75 anni), detenuta dal momento in cui l'esercito ha preso il potere lo scorso primo febbraio, e alla quale non è mai stato permesso di incontrare di persona il suo team legale nonostante sia già iniziato il processo in videoconferenza nei suoi confronti.
   
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie