Covid: Giappone, verso terzo stato emergenza a Tokyo e Osaka

A tre mesi da inizio Olimpiadi preoccupa la diffusione delle varianti. Cancellato il Motor Show previsto in autunno

Il governo giapponese si appresta a dichiarare un nuovo stato di emergenza - il terzo dall'inizio della pandemia - in due dei principali centri urbani dell'arcipelago, Tokyo e Osaka, mentre non si arresta l'ascesa dei contagi di coronavirus e la diffusione delle varianti.
    A livello nazionale sono stati segnalati oltre 5.200 infezioni, un livello che non si vedeva da fine gennaio. La prefettura di Osaka ieri ha aggiornato il record con 1.242 casi giornalieri, mentre Tokyo ha registrato 800 positività. Sebbene i valori siano molto più contenuti rispetto alle medie dei paesi occidentali, le autorità si trovano ad affrontare una nuova incognita sulla reale espansione del virus a tre mesi dall'inizio previsto delle Olimpiadi, con la campagna vaccinale che ad oggi ha riguardato appena l'1% della popolazione. I dati del ministero della Salute confermano inoltre che l'80% delle nuove infezioni a Osaka sono attribuibili alle nuove varianti dell'agente patogeno, in prevalenza quella inglese, con 1.562 casi in tutto il Giappone. Secondo i media nipponici l'introduzione dello stato di emergenza sarà annunciata già da questo venerdì dal premier Yoshihide Suga - che si è già consultato con i membri dell'esecutivo e gli enti preposti.
    Oltre a Tokyo e Osaka, anche le prefetture di Kyoto e Hyogo, a ovest della capitale, hanno chiesto l'applicazione di misure più stringenti. Sebbene non si tratti di un lockdown sul modello italiano, le municipalità potranno chiedere alle autorità commerciali, tra cui bar e ristoranti, di anticipare alle ore 20 gli orari di chiusura, e limitare l'organizzazione di eventi che potrebbero generare eccessivi assembramenti di persone. 

Cancellato il Tokyo Motor Show - La principale fiera biennale dell'auto in Giappone, il Tokyo Motor Show, in programma questo autunno, sarà cancellato per via del continuo progredire dei contagi di coronavirus in Giappone. Lo ha detto Akyo Toyoda, a capo dell'Associazione dei costruttori di auto nipponici (Jma), in una conferenza online, spiegando che allo stato attuale non si può pensare di poter garantire la sicurezza dei visitatori in un contesto di infezioni di Covid in progressivo aumento. Si tratta della prima cancellazione della kermesse, a partire dal suo debutto, nel 1954. Nell'ultima manifestazione, a fine 2019, l'evento aveva ospitato circa 1,3 milioni di persone. Al momento il governo giapponese si appresta a dichiarare il terzo stato di emergenza a Tokyo, Osaka e altre prefetture dell'arcipelago, in risposta ad un'ascesa dei contagi, riconosciuta all'unanimità come le quarta ondata del virus. Sebbene i casi in Giappone siano mediamente al di sotto dei valori delle nazioni più colpite, preoccupa la diffusione delle varianti che in alcune aree del Paese costituiscono la principale causa di contagio. Dall'inizio della pandemia, a livello nazionale sono state segnalate 547.545 positività da Covid, con 9.774 morti accertate.

In Germania quasi 30mila nuovi casi in 24 ore - Sono di nuovo quasi 30 mila i casi di contagio registrati dal Robert Koch Institut in Germania, nel giro di 24 ore. Stando all'istituto scientifico di riferimento del governo tedesco sono 29.518 le nuove infezioni e 259 i decessi. In lieve aumento rispetto a ieri anche l'incidenza settimanale dei nuovi contagi su 100 mila abitanti, saliti a 161,1. È questo il parametro decisivo su cui si orienta la Germania, per stabilire le misure anticovid: proprio ieri il Bundestag ha approvato il cosiddetto "freno di emergenza" a livello federale, che scatta se l'incidenza supera i 100 nuovi casi per tre giorni.

in India 315 mila nuovi casi, record mondiale - L'India ha registrato quasi 315.000 nuove infezioni da Covid-19 in un giorno, cifra record a livello mondiale. Lo riporta oggi il Ministero della Salute indiano. I contagi registrati nelle ultime 24 ore nel Paese asiatico da 1,35 miliardi di abitanti sono stati 314.835, portando i casi totali a 15,9 milioni. I decessi sono stati invece 2.074 vittime, per un totale di quasi 185.000. Il numero di morti e contagi in India è tuttavia notevolmente inferiore in percentuale alla popolazione rispetto a molti altri paesi del mondo.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie