Ultrà Samp aggrediscono giovane, sette obblighi dimora

Genova, lancio mozzicone su ragazzo, a proteste reazione gruppo

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - Nove ultrà della Sampdoria tra i 21 e i 31 anni hanno aggredito un 23 enne di origini gambiane in centro a Genova. I fatti risalgono al 5 settembre ma al termine delle indagini sono state eseguite ieri 7 misure cautelari: cinque obblighi di dimora e due divieti di dimora a Genova.
    Altre due persone sono state denunciate. Secondo quanto ricostruito dagli agenti del commissariato Centro, i nove tifosi, difesi dall'avvocato Matteo Carpi, avevano aggredito la vittima dopo che aveva protestato perché uno degli ultrà gli aveva lanciato una sigaretta accesa. In un primo momento era riuscito ad allontanarsi. Ma tornato nella stessa piazza, era incappato di nuovo nel gruppo, a cui si sono aggiunte altre persone, con in mano cinture: prima il ragazzo è stato bloccato e poi colpito, fino a quando non è riuscito a liberarsi e a scappare. In un primo momento era stata contestata l'aggravante dell'odio razziale, ma l'accusa è caduta in un secondo momento.(ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie