25 aprile: Toma, ricordare Resistenza e suoi martiri

(ANSA) - CAMPOBASSO, 24 APR - "Per lungo tempo ostaggio di un certo ideologismo fuorviante che ne aveva egemonizzato l'appartenenza, da qualche anno il 25 aprile è rientrato nell'alveo della verità storica, che poi è quello di una data in cui si celebra la liberazione dalla dittatura nazifascita e l'inizio di un percorso virtuoso che portò alla nascita di un Paese libero, democratico, repubblicano, garantito dalla Costituzione". E' quanto afferma il presidente della Regione Molise Donato Toma nel suo messaggio per il 25 aprile "A scrivere questa grande pagina democratica, dopo la fine del secondo conflitto mondiale - prosegue il governatore -, concorse una pluralità di soggetti, di diversa estrazione politica, militare e religiosa, accomunata dall'obiettivo di liberare il Paese dagli oppressori. Brigate partigiane e Comitato nazionale di liberazione, soldati italiani confluiti prima nel Corpo italiano di liberazione, poi nei Gruppi di combattimento, contingente alleato formato da soldati statunitensi, inglesi, canadesi, australiani, neozelandesi, sudafricani, indiani, polacchi, francesi, algerini, tunisini, senegalesi e goumier, marocchini di etnia berbera, perfino una Brigata ebraica costituita da cinquemila volontari provenienti dalla Palestina: uniti contro la barbarie e per dare all'Italia le libertà negate dal ventennio fascista".
    Toma infine cita Mattarella: "Chi in questi anni si è battuto per restituire armonia politica alla Festa della Liberazione è stato il Presidente della Repubblica. Un'azione meritoria, quella operata dal Capo dello Stato, che ha contribuito in modo determinante al recupero di quello spirito unitario all'insegna del quale dobbiamo celebrare il 25 aprile e ricordare quanti hanno concorso alla fondazione di un'Italia libera e democratica". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie