Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il mare e il futurismo nelle tele di Lina Passalacqua

Il mare e il futurismo nelle tele di Lina Passalacqua

In mostra alla Galleria Plus Arte Puls, dall'1 al 16 marzo

ROMA, 27 febbraio 2024, 13:16

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

E' il mare l'elemento costante nella vita di Lina Passalacqua, una delle principali artiste legate al movimento futurista, ed è anche il soggetto centrale del ciclo pittorico 'Io…e il mare', che la Galleria Plus Arte Puls di Roma ospita dall'1 al 16 marzo. La mostra itinerante, a cura di Ida Mitrano e Rita Pedonesi, riunisce 23 opere e una selezione inedita di medaglioni dipinti, che richiamano particolari delle stesse opere. Il ciclo di tele è stato realizzato dal 2020 al 2022, durante il tempo sospeso della pandemia, ed è rappresentativo del linguaggio artistico di Lina Passalacqua, caratterizzato dalla velocità del processo creativo in dialogo con l'elemento autobiografico e i segni del tempo.
    "Lina Passalacqua guarda il mondo con la consapevolezza dell'oggi - commenta la curatrice Ida Mitrano - non con la lente del passato. È in tal senso che il dinamismo della sua pittura dialoga con il futurismo. La sua arte - prosegue la curatrice - acquisisce potenza nell'individuare i caratteri distintivi del nostro tempo, di cui l'artista coglie in particolare il 'flash', intuendone già nel 1989 la problematicità e le conseguenze sull'individuo in quanto perdita d'identità e di memoria storica". In un presente e in un futuro sempre più gestiti e dominati dall'intelligenza artificiale e dai suoi algoritmi, l'artista avverte l'invasività del flash e lo smarrimento umano; la sua pittura è testimonianza e denuncia dell'attuale stato delle cose, dove il mare è un punto fermo nella sua vita. È il suo legame con il passato, con Genova, ma anche con il presente, la sua casa a Nettuno, dove crea. Il ciclo 'Io… e il mare rivela', ancora una volta, quel filo rosso che lega vita e arte, dove ogni opera è un racconto per frammenti, una visione misteriosa, onirica della realtà. Mare come esperienza vissuta, ma anche come dimensione del profondo, dinamica e poetica.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza