Alibaba lancia 9.9 Wine Festival, 50 brand Italia rispondono

Italia diventa secondo Paese straniero per vini presenti in Cina

Redazione ANSA ROMA

Si pronuncia 'nain nain wain' in inglese o "jiu jiu" in cinese, e sembra suonare bene anche per gli imprenditori del vino italiano l'iniziativa "Tmall 9.9 Global Wine & Spirits Festival" lanciata da Alibaba Group, per il prossimo 9 settembre. Il colosso dell'e-commerce, guidato da Jack Ma, forte di una offerta online di oltre 100.000 tipologie di vini e alcolici internazionali, inaugura venerdì, come annunciato all'ultimo Vinitaly, una giornata celebrativa della crescente popolarità di vini e alcolici importati tra i consumatori cinesi, in modo particolare tra le giovani generazioni.

Dall'annuncio dell'iniziativa a Veronafiere, sottolinea con soddisfazione il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina, le cantine italiane presenti su Alibaba sono passate da 2 a 50. Con oltre 500 etichette proposte sul portale asiatico - tra cui Allegrini, Antinori, Bolla, Folonari, Frescobaldi, Mezzacorona, Planeta e Ruffino - l'Italia diventa così il secondo Paese straniero per numero di vini presenti. "Siamo particolarmente orgogliosi del risultato raggiunto. Solo quattro mesi fa - spiega Rodrigo Cipriani Foresio, Managing Director di Alibaba Italia e Sud Europa - due sole cantine italiane avevano lo store sulle nostre piattaforme, oggi si sono aggiunte quelle di Mezzacorona, G.I.V ed Iswa. Numeri che confermano la nostra convinzione di come Alibaba possa fare molto per aiutare il vino italiano a crescere in Cina, aumentando la quota di mercato rispetto all'attuale del 6%, che non rende giustizia a un prodotto di qualità come quello che i nostri produttori sanno selezionare e offrire".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie