Ucraina: l'Ungheria vieta le esportazioni di grano

Orban: '15% import colpito da guerra, agricoltori a rischio'

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 05 MAR - L'Ungheria ha vietato le esportazioni di grano nel timore che l'invasione russa in Ucraina possa causare carenze "significative" nell'approvvigionamento nazionale e un'impennata dei prezzi su scala mondiale. Il decreto del governo, secondo quanto riferito nella serata di ieri dal ministro dell'agricoltura ungherese Istvan Nagy al canale televisivo Rtl Híradó, è in vigore da oggi.

"Il 15% delle nostre importazioni è colpito dalla guerra, anche i prezzi dell'energia stanno aumentando, gli agricoltori potrebbero risentirne", ha avvertito oggi il premier ungherese Viktor Orban parlando al congresso nazionale degli agricoltori.

Ucraina e Russia insieme pesano per circa il 30% del commercio mondiale di grano. Nei giorni scorsi il prezzo del grano e di altri prodotti agricoli come orzo, semi oleosi e mais, sono schizzati dopo la paralisi dei porti del Mar Nero, da dove partono i carichi. Ieri il grano ha raggiunto il prezzo record di 400 euro la tonnellata alla Borsa di Parigi, guadagnando il 38% in una settimana.

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie