Le piante che si illuminano VIDEO

Come nel film Avatar, grazie al gene di un fungo

Redazione ANSA

In futuro le piante ornamentali potrebbero brillare nel buio come quelle di Pandora, il mondo immaginato nel film Avatar. Il primo passo in questa direzione sono state le piante luminescenti, dieci volte più brillanti rispetto a quelle finora ottenute, modificate trasferendo nel loro Dna le sequenze genetiche che rendono fluorescente una specie di funghi. Le piante così sono inoltre in grado di mantenere la luminosità per tutto il loro ciclo vitale. Pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology, il risultato si deve al gruppo internazionale di 27 studiosi guidati da Karen Sarkisyan e Ilia Yampolsky, della startup biotecnologica russa Planta e dell'Accademia russa delle scienze.

L'esperimento è stato condotto sul tabacco perché il codice genetico di questa pianta è ampiamente conosciuto e per i tempi rapidi con cui si sviluppa, ma secondo i ricercatori la stessa tecnica può essere applicata su rose, petunie e pervinche. "Trent'anni fa ho contribuito a creare la prima pianta luminescente usando un gene delle lucciole. Queste nuove piante possono produrre un bagliore molto più luminoso e più costante", ha osservato Keith Wood, amministratore delegato di Light Bio, la società che, in collaborazione con Planta, prevede di commercializzare la tecnologia per produrre piante ornamentali.


Piante di tabacco fluorescenti (fonte: Planta)

Progettare nuove caratteristiche biologiche in un organismo, rilevano gli esperti, è complesso, perché come gli ingranaggi di un orologio, le sequenze di Dna aggiunte devono integrarsi bene all'interno dell'ospite, senza alterarne il metabolismo. Studiando il fungo fluorescente della specie Neonothopanus Nambi, i ricercatori hanno osservatoche i meccanismi del metabolismo cellulare sono simili a quelli di alcune piante, compreso il tabacco. Quindi hanno inserito i geni responsabili della luminescenza di questo fungo nel Dna del tabacco, ottenendo piante che brillano di luce verde per tutto il loro ciclo di vita.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA