I danni dall'esposizione all'alcol

Convegno il 23 settembre per confronto su situazione poco nota

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 16 SET - L'esposizione prenatale all'alcol e alle sostanze psicoattive può causare danni cognitivi, disturbi dell'apprendimento e ritardo mentale, oltre a disturbi neurocomportamentali. Se ne parlerà al convegno: "Alcol, sostanze psicoattive e gravidanza: un'alleanza tra cultura, tutela e diritti" promosso e organizzato da AIDEFAD - aps e dalla senatrice Paola Binetti, presidente dell'Intergruppo Parlamentare per le malattie rare, in collaborazione con le Associazioni Cammino e l'associazione M'aMa-Dalla Parte dei Bambini (Rete delle MammeMatte). L'iniziativa ha l'obiettivo di mettere in luce una situazione ancora poco conosciuta in ambito socio-sanitario e promuovere un confronto sulla normativa vigente allo scopo di garantire, al minore adottato e ai genitori, un'adeguata assistenza. Molti dei bambini adottati o in affidamento, affetti da FASD, proviene dall'Est Europeo, ma sono coinvolti anche molti altri paesi, dove il consumo di alcol rappresenta un grave problema medico e sociale. Spesso la documentazione sanitaria della madre è carente e non viene fatto riferimento a problemi di alcol e tossicodipendenza, oppure il dato viene comunicato non ufficialmente alla famiglia accogliente.
    Per affrontare queste importanti tematiche al convegno parteciperanno esperti, clinici, Istituzioni, pazienti e familiari che si confronteranno sulle possibili soluzioni da mettere in campo per prevenire e affrontare quello che si presenta come una grave condizione di salute e una complessa problematica sociale.
    Il convegno si terrà il prossimo 23 settembre, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, presso la Sala dell'Istituto Santa Maria in Aquiro in Piazza Capranica, 72 a Roma. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA