Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Morte anziano in casa riposo, revocato arresto dipendente

Morte anziano in casa riposo, revocato arresto dipendente

Decisione Tribunale riesame Reggio. Confermati tre provvedimenti

REGGIO CALABRIA, 25 luglio 2022, 17:59

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Tribunale del riesame di Reggio Calabria ha revocato l'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa nel giugno scorso dal Gip, su richiesta della Procura della Repubblica, a carico di Florentina Lencautan, di 42 anni, di origine romene, dipendente della casa di riposo "Casa del sole", nell'ambito dell'inchiesta, con indagini delegate ai carabinieri del Nas, sulla gestione della struttura assistenziale.
    Dall'inchiesta è emerso che un gruppo di anziani ospitati nella "Casa del sole", affetti da gravi patologie e non autosufficienti, sarebbero stati maltrattati, ricevendo pure scarse quantità di cibo, anche scaduto e mal conservato, tali da cagionare loro deperimento e malnutrizione.
    In un caso, sempre secondo la Procura, i maltrattamenti subiti avrebbero portato al decesso di un ospite della struttura. Le responsabili della casa di riposo, Giovanna Scarfò e Cecilia Prestipino, erano state poste agli arresti domiciliari insieme ad alcuni dipendenti, tra cui Florentina Lencautan, per la quale i giudici del riesame hanno accolto il ricorso presentato dal difensore, l'avvocato Giuseppe Domenico Morabito. Quest'ultimo, nella sua istanza, aveva sostenuto che all'epoca in cui era deceduto l'anziano, la sua assistita non era stata ancora assunta dalla casa di riposo. Sono state confermate, invece, le misure cautelari per Giovanna Scarfò e Cecilia Prestipino e per un'altra dipendente della casa di riposo, Margherita Battaglia.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza