A Falcade festa dell'ansuda la primavera

Due giorni di studio e gastronomia con erbe spontanee in Veneto

Redazione ANSA VENEZIA

VENEZIA - L'"ansuda" nell'antica lingua ladina è la primavera, e alla stagione del risveglio è dedicata la festa "El bon de l'ansuda-Festa di primavera" che si svolgerà a Falcade (Belluno) il primo e 2 giugno prossimi.
    Il filo conduttore è la riscoperta delle erbe spontanee, cui dedicata una passeggiata didattica con Ester Andrich, esperta forestale che da anni si occupa dell'utilizzo delle piante negli usi domestici, per unguenti, oleoliti e creme 100% naturali.
    Sempre utilizzando le piante dei prati gli chef Sebastiano Saviane e Ivan Serafini insegneranno a creare piatti, su iniziativa dell'associazione albergatori, ristoratori e rifugi della Valle del Biois.
    I ristoranti di Falcade proporranno menù a base di erbe spontanee, mentre sulla Piana, il grande spazio verde al centro del paese, ci sarà il mercatino con aziende del territorio che proporranno prodotti agricoli e artigianali. Si potrà provare l'esperienza di una passeggiata a cavallo, in mountain bike o e-bike tra boschi e sentieri accompagnati dalle guide. Nel weekend saranno organizzate viste al museo di Papa Albino Luciani a Canale d'Agordo, e al Museo Murer a Falcade Alto.
    Dopo i danni causati dalla tempesta dello scorso ottobre grande attenzione è posta ai boschi e alla loro cura. Silvano Savio, ispettore della forestale in pensione, guiderà una passeggiata in cui parlerà delle caratteristiche dei boschi dolomitici e illustrerà il taglio di un albero con la squadratura a mano di una trave, tecnica utilizzata fino agli anni '60 per ricavare legno da costruzione.
    Concluderà il weekend l'appuntamento con le api, con una dimostrazione delle tecniche di apicoltura e l'illustrazione dell'importanza di questi insetti anche per l'ecosistema montano. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA