A Venezia una mostra su Luigi Pericle

Dall'11 maggio al 24 novembre alla fondazione Querini Stampalia

Redazione ANSA MILANO

VENEZIA - La prossima Biennale d'Arte a Venezia vedrà tra i molti eventi un grande ritorno, quello di Luigi Pericle, pittore, fumettista, esoterista, tra i protagonisti del secondo Novecento, che riemergerà dall'oblio in cui si era volontariamente esiliato. Dall'11 maggio al 24 novembre 2019 infatti, sarà visitabile 'Luigi Pericle (1916-2001) _ Beyond the visible', la prima retrospettiva sul poliedrico artista dopo quasi vent'anni, ospite della Fondazione Querini Stampalia. La figura di Pericle, svizzero di origine marchigiana, fumettista e pittore ma anche astrologo e teosofo, è inscindibilmente legata a quella di Ascona, la cittadina sul Lago di Lugano che tra le due guerre divenne centro di artisti, pensatori, filosofi e miliardari eccentrici, attratti dalla Svizzera neutrale. Ora, grazie alla passione artistica di due albergatori è riemerso dal passato un tesoro: decine e decine di dipinti, rimasti dimenticati nella casa del maestro che si ritirò in meditazione e non si concesse mai più.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA