Una Tac per il Crocifisso Giambologna

'Diagnosi' prima i intervento su opera d'arte cinquecentesca

Redazione ANSA FIRENZE

 FIRENZE  - Saranno necessari diciotto mesi per sottoporre ad accurato restauro il Cristo del Giambologna, crocifisso cinquecentesco in cartapesta rimosso oggi dalla chiesa di Sant' Egidio all'interno dell'antico ospedale di Santa Maria Nuova a Firenze. Per rimuoverlo dalla sua collocazione sono servite 3 ore di lavoro da parte di un numeroso team di professionisti; subito dopo è stata effettuata sull'opera una Tac per verificare, in prima battuta, lo stato di conservazione dell'opera. Il manufatto è stato poi affidato alle cure della specialista che curerà l'intervento, Anna Fulimeni. Il progetto di restauro, approvato dalla soprintendenza delle belle arti già dal mese di aprile, è stato interamente finanziato dal Rotary club Firenze Valdisieve, con il quale la fondazione Santa Maria Nuova Onlus ha firmato un protocollo d'intesa per fissare i reciproci impegni al riguardo.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA