Lotta per l'emancipazione delle donne del '900 in mostra

Dalle carte di Salvemini e Fiore, a Molfetta dal 17 maggio

Redazione ANSA Molfetta (Bari)

MOLFETTA (BARI) - Pannelli, documenti, libri, manoscritti e foto che raccontano la lunga storia delle battaglie femminili nel secolo scorso: è il contenuto della mostra 'Donne tra analfabetismo ed emancipazione. Dalle carte di Tommaso Fiore e Gaetano Salvemini' a Molfetta nella biblioteca comunale, al primo piano della ex Fabbrica di San Domenico. L'esposizione sarà aperta sino all'8 giugno prossimo.
    La mostra comprende un ricco carteggio riguardante le tante donne protagoniste della vita sociale, culturale e politica, che dai primi anni del Novecento sono state interlocutrici di Tommaso Fiore e Gaetano Salvemini. Tra le numerose corrispondenti dei due grandi meridionalisti vanno ricordate Sibilla Aleramo, Giuliana Benzoni, Ada Gobetti, Maria Corti, Rina Durante, Adele Bei, Maria Brandon Albini, Maria Antonietta Macciocchi, Anna Maria Ortese, Carla Voltolina Pertini e Anna De Lauro Matera. In mostra sarà esposto il materiale raccolto tra la Biblioteca nazionale Sagarriga Visconti Volpi di Bari, la Fondazione Istituto Gramsci di Roma e le collezioni private della famiglia Fiore-Fazio, del giornalista Massimo Melillo e della scrittrice salentina Rina Durante.
    All'inaugurazione interverranno Paola Natalicchio, sindaco di Molfetta, Elisabetta Mongelli, assessore comunale alla Cultura e al Turismo, Rosa Maria Capozzi, del Cnr e curatrice della mostra, Cosima Nassisi, docente di Storia contemporanea all'Università del Salento, Irene Giannì, ricercatrice dello stesso ateneo, Massimo Melillo giornalista, Marco Ignazio de Santis, storico, e Davide De Candia, ricercatore dell'università di Bari.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA