I paesaggi della Montagnola Molisana

Seminario su area di interesse archeologico e naturalistico

Redazione ANSA CAMPOBASSO

CAMPOBASSO - "I molteplici paesaggi della Montagnola Molisana" è il titolo del secondo seminario che si terrà nell'ambito della terza edizione del Master di II Livello in Progettazione e promozione del paesaggio culturale, il 25 settembre 2019 nell'Aula Fermi della Biblioteca dell'Università del Molise a Campobasso.
    Organizzato in collaborazione con la Sezione di Italia Nostra di Campobasso, tra i partner della terza edizione del Master, il seminario si occuperà di un territorio di grande interesse sia storico-archeologico sia naturalistico, che costituisce la zona più elevata dei rilievi carbonatici di un esteso territorio montano collocato tra la Valle del Trigno e la Valle del Biferno, al centro dei percorsi tratturali Lucera/Castel di Sangro (quasi adiacente), Celano/Foggia e Pescasseroli/Candela, caratterizzato da un suggestivo paesaggio carsico, da pascoli e da estese faggete.
    La Montagnola, sito di interesse comunitario, si estende per 6.586 ettari e abbraccia il territorio di diversi comuni: Frosolone, Civitanova del Sannio, Macchiagodena, Carpinone, Sessano del Molise e Santa Maria del Molise.
    Parteciperanno al seminario: Luciano De Bonis, coordinatore Master di II livello in Progettazione e Promozione del Paesaggio Culturale; Vincenzo Di Carlo, geologo; Gianluigi Ciamarra, presidente della Sezione Italia Nostra di Campobasso; Paolo Di Martino, professore di Assestamento forestale e selvicoltura all'Università del Molise; Davide Delfino, archeologo del Polo museale del Molise e del Centro de Geociencias da Universidade de Coimbra; Francesca Di Palma, archeologa di Italia Nostra; Antonella Minelli, professoressa di Antropologia e Territorio all'Università del Molise.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA