Turismo e cultura sulla via della Seta

Presentato a Parma progetto per scambi culturali e mostra

Redazione ANSA PARMA

  PARMA - Oltre 40.000 km percorsi e 14 nazioni attraversate: una carovana di camper sulle tracce di Marco Polo che porterà imprenditori e turisti italiani da Venezia fino a Pechino e poi, al contrario, imprenditori e visitatori cinesi in Italia. E poi una mostra mondiale e permanente dell'alimentazione realizzata nei tre poli di Venezia, Pechino e Dubai. E' stato presentato a Parma, in occasione del Salone del Camper, 'Venezia Pechino: Hub di Cultura' un grande progetto internazionale di collaborazione Italia - Cina ideato da Aikal (Associazione internazionale cultura ambientale e lavoro solidale), in collaborazione con Overland/Blu Camp.
    "Il treno e le navi - dice Ettore Bonalberti, presidente Aikal - hanno come finalità la velocizzazione del trasporto delle merci. Overland The Silk Road trasporta invece: uomini imprese prodotti culture idee. Ma non si limita a questo. Il progetto vuole, in seguito, costruire un dialogo permanente in merito all'alimentazione tra Venezia Pechino Dubai". "Oggi si vuole ripercorrere la via della Seta - spiega Beppe Tenti, ideatore e conduttore di Overland - esattamente come nell'antichità, sostituendo i cammelli con la velocità, la sicurezza e il comfort dei camper turistici, realizzando così una vera e propria carovana d'imprese e di cultura lungo la via della seta. Si tratta di un progetto unico nella storia che rappresenta uno strumento economico e sociale di dialogo tra i due popoli".
    Il percorso avrà inizio nella primavera 2017 con un roadshow che attraverserà l'Italia per raccontare le eccellenze della Cina e avviare un dialogo interculturale che culminerà nel coinvolgimento di aziende italiane nella carovana. Il viaggio sarà propedeutico alla realizzazione della mostra permanente nelle due città, finalizzata a coinvolgere le Civiltà della Tavola dei 5 continenti.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA