Se la foresta invade lo stadio

A Klagenfurt l'installazione di Klaus Littmann con 300 alberi

Luciano Fioramonti KLAGENFURT

KLAGENFURT (Austria) - Con un inquinamento senza controllo che sta portando al collasso il pianeta e l'equilibrio naturale sconvolto dai cambiamenti climatici finirà che per vedere una foresta si dovrà andare in spazi riservati, come è successo con gli animali negli zoo? L'artista svizzero Klaus Littmann ha scelto il Wörthersee Stadion di Klagenfurt per lanciare "For Forest - The Unending Attraction of Nature", provocazione e al tempo stesso invito a riflettere su una minaccia che senza contromisure rischia davvero di prendere corpo. E così 300 alberi, alcuni dei quali pesanti fino a sei tonnellate, sono stati piantati nel terreno di gioco e vi resteranno dall'8 settembre al 27 ottobre trasformando il campo di calcio in un grande memoriale sulla necessità di salvare un bene tanto prezioso.

Littmann ha pensato a questa installazione artistica monumentale temporanea, la più grande mai realizzata in Austria in un'area pubblica, ispirandosi al disegno a matita del 1970 dell'artista e architetto austriaco Max Peintner, scoperto una trentina di anni fa. Con la supervisione della Enea Landscape Architecture, la foresta comincerà una vita propria, cambiando colore al passaggio delle stagioni e attirando la fauna locale.

Il Wörthersee Stadion, che può ospitare fino a 30mila persone, diventerà una cornice straordinaria per l'esperienza dei visitatori. Tutti i giorni, dalle 10 alle 22, il pubblico potrà ammirare un panorama unico di alberi, di giorno e di notte, con luce naturale o riflettori. La visita, a ingresso gratuito, vuole provocare reazioni ed emozioni, grazie al paesaggio continuamente mutevole degli alberi. Una volta concluso l'"intervento artistico", la foresta sarà ricollocata in un sito pubblico nelle vicinanze dello stadio e resterà come una vera e propria 'scultura silvestre' vivente. Sarà inoltre costruito un padiglione per documentare il progetto sul lungo periodo. Il progetto "For Forest - Il fascino infinito della Natura" - sostenuto da soggetti privati e donazioni - si inserisce nella scia delle mostre e delle grandi istallazioni curate e prodotte in passato in spazi pubblici da Littmann a Basilea, Vigo, Lione, in Svizzera e Cina, caratterizzate dal suo interesse per il rapporto tra cultura popolare e arte. Klaus Littmann, 68 anni, vive e lavora a Basilea. Allievo di Josef Beuys alla Düsseldorf Art Academy, si è affermato come mediatore d'arte contemporanea.

Dopo molti anni di lavoro in gallerie e spazi museali, ha cominciato a presentare mostre d'arte a tema in ambienti pubblici e collaborato con grandi artisti, tra i quali Christo e Keith Hering. Max Peintner è nato nel 1937 a Hall, nel Tirolo (Austria), vive e lavora a Vienna. Ha studiato ingegneria civile all'Università Tecnica di Vienna e architettura all'Accademia di Belle Arti di Vienna. I suoi lavori sono stati presentati in mostre personali e collettive in numerosi musei. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA