Profumo di pane e amore di una mamma speciale...

Le pagnotte di patate della Garfagnana fatte come 100 anni fa

Redazione ANSA

Mamma Iride prima di morire pensava solo a questo: chi farà il pane a Petrognola dopo di me?. E il figlio Paolo Magazzini ha raccolto quell'eredità speciale e ha fatto del pane, cotto nel forno di una volta e con la pasta madre tramandata nella sua famiglia da prima della Guerra, la sua passione.

In Garfagnana e in una parte della Valle del Serchio è tuttora viva la tradizione del pane di patate, una variante ingentilita di un pane di mistura diffuso un tempo, specie nelle annate avare di cereali, in tutta l’Europa continentale.

La ricetta prevede di aggiungere alla farina di grano un 15% di patate lesse e schiacciate, un poco di semola e tritello, sale marino di grana media; la lievitazione è fatta con lievito madre. Le patate, provenienti da coltivazioni locali, rendono il pane particolarmente morbido e saporito (sono ottime quelle coltivate nel comune di Sillano, in due località, Metello e Dalli, a circa 1200 metri di altitudine).

Le grandi pagnotte di uno o due chili, tagliate a fette, sono ottime abbinate ai salumi della Garfagnana: biroldo, mondiola, lardo e pancetta.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA