Il declino dei Neanderthal spinto dal freddo

Nessun nesso con la nascita dell'uomo moderno

Redazione ANSA

Il declino dell'uomo di Neanderthal e la nascita dell'uomo moderno sono avvenuti in concomitanza di un periodo caratterizzato da ricorrenti cicli di stagioni fredde, sebbene non si possa stabilire un nesso causale tra i due eventi. E' la conclusione della ricerca pubblicata sulla rivista dell'Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, Pnas, e condotta dal gruppo dell'Università tedesca di Colonia guidato dal paleoclimatologo  Michael Staubwasser.

I ricercatori hanno esaminato dati paleoclimatici ricavati da stalagmiti nell'Europa centrorientale che coprono un periodo da 44.000 a 40.000 anni fa e li hanno confrontati con i documenti archeologici dei manufatti dei Neanderthal provenienti dall'Europa. osservando che gli strati privi di utensili neanderthaliani risalgono più o meno allo stesso periodo delle stagioni fredde definite stadiali, cioè periodi di temperature più rigide durante un periodo interglaciale, di durata o intensità insufficiente per essere considerati periodi glaciali veri e propri.

La dieta dei Neanderthaliani, più povera rispetto a quella degli umani, può spiegare il loro declino nei periodi freddi. Con lo stress ecologico di un cambiamento climatico infatti, le risorse di carne sulle quali i Neanderthaliani facevano affidamento diventarono probabilmente più scarse, mentre la dieta degli umani fu integrata da cibi di origine vegetale e pesce, permettendo loro di sopravvivere. Secondo gli autori, i ripetuti cicli popolamento-spopolamento durante gli stadiali può aver alterato le caratteristiche genetiche della vecchia Europa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: