Disturbi della crescita per il gigante del Sistema Solare

Giove sviluppato a due velocità

Redazione ANSA

Disturbi della crescita nella formazione del gigante del Sistema Solare: Giove si sarebbe formato a ritmi diversi. lo indica la ricerca condotta nelle univerità di Berna e Ginevra e pubblicata sulla rivista Nature Astronomy. 

Nel primo milione di anni il pianeta aggregò rapidamente piccole rocce di pochi centimetri e costruì velocemente un centro. I due milioni di anni che seguirono furono caratterizzati da una più lenta aggregazione di rocce più grandi, della dimensione di chilometri, chiamate planetesimi. Queste ultime colpirono il pianeta in crescita con grande energia, rilasciando calore. Dopo tre milioni di anni, Giove si era accresciuto fino a 50 volte la massa della Terra. Poi cominciò la terza fase, con l'aggregazione di gas, che ha portato all'attuale gigante gassoso.

Il nuovo modello della formazione di Giove collima con i dati ricavati da meteoriti che vennero presentati ad una conferenza negli Stati Uniti lo scorso anno. La composizione dei meteoriti dimostrava che nei tempi primordiali del sistema solare la nebulosa solare era rimasta divisa in due zone per due milioni di anni. Si poteva quindi concludere che Giove si comportò come una sorta di barriera quando crebbe da 20 a 50 volte la massa della Terra. In questo periodo il pianeta in formazione deve aver perturbato la nebulosa solare, creando una massa densa che intrappolò le rocce al di fuori della sua orbita.

I nuovi dati indicano che il periodo durante il quale il giovane pianeta ebbe una massa da 15 a 50 volte quella della Terra fu quindi molto più lungo di quanto creduto. Nel corso di questa fase di formazione, la collisione con rocce della dimensione di chilometri fornì abbastanza energia per riscaldare l'atmosfera gassosa del giovane Giove ed evitò il rapido raffreddamento e l'aggregazione di altri gas.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: