Il pianeta oscuro, più nero dell'asfalto appena steso

Non riflette luce perché troppo caldo, come rivela Hubble

Redazione ANSA

E' così bollente da apparire più scuro dell'asfalto appena steso: è il mondo alieno Wasp-12b, uno dei pianeti esterni al Sistema solare più studiati ed enigmatici. Il suo potere riflettente è stato misurato per la prima volta grazie al telescopio Hubble di Nasa e Agenzia spaziale europea (Esa) da un gruppo internazionale di ricerca, coordinato dalla McGill University in Canada e dalla University of Exeter in Gran Bretagna. Lo studio, pubblicato su Astrophysical Journal Letters, permette di fare nuove ipotesi sulla composizione chimica dell'atmosfera del pianeta, probabilmente avvolto da atomi di elio e idrogeno.

Posto a 1.400 anni luce di distanza, in orbita stretta intorno ad una stella simile al Sole chiamata Wasp-12a, il pianeta oscuro Wasp-12b ha un raggio che è quasi doppio rispetto a quello di Giove, mentre il suo anno dura poco più di un giorno terrestre: per questo è stato catalogato come un pianeta gioviano caldo. E bollente lo è davvero, considerato che la temperatura superficiale del suo lato diurno (quello esposto verso la stella) raggiunge i 2.600 gradi.

Per misurare il potere riflettente della sua superficie (albedo), i ricercatori hanno usato lo spettrografo 'Stis' a bordo di Hubble in occasione di un'eclissi del pianeta dietro la sua stella, avvenuta nell'ottobre 2016. Hanno così scoperto che il pianeta è scurissimo, due volte meno riflettente rispetto alla Luna. Secondo gli astronomi, questo è dovuto alle elevate temperature che impediscono la formazione di nubi, ritenute responsabili dell'assorbimento di luce così come i metalli alcalini, che qui si trovano in forma ionizzata. Il calore su Wasp-12b sarebbe così intenso da spezzare le molecole d'idrogeno in idrogeno atomico, portando l'atmosfera del pianeta a comportarsi come quella di una piccola stella.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA