Scoperta la supernova 'heavy metal'

Ricca di metalli e fra le più brillanti mai osservate

Redazione ANSA

Scoperta la supernova 'heavy metal': particolarmente ricca di metalli e una delle piu' brillanti mai osservate. Descritta sulla rivista Astrophysical Journal Letters, e' stata scoperta negli Stati Uniti dal gruppo coordinato da Matt Nicholl, del Centro per l'Astrofisica Harvard-Smithsonian (CfA) a Cambridge.

La supernocva si chiama SN 2017egm ed e' tre volte piu' vicina di qualsiasi altra supernova "superluminosa" osservata in precedenza. Scoperta dal satellite Gaia, dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa), si trova in una galassia a spirale simile alla Via Lattea e distante circa 420 milioni di anni luce. E' stato subito chiaro che si trattava di una scoperta sorprendente, poiche' quasi tutte le supernovae molto luminose conosciute sono state individuate in galassie nane, molto piu' piccole di quelle a spirale.

Le galassie nane sono note per lo scarso contenuto diperchè avvengano fenomeni come le esplosioni delle supernovae. Invece, come hanno mostrato le osservazioni condotte con il Nordic Optical Telescope (NOT) a Tenerife, la galassia che ospita SN 2017egm ha un'alta concentrazione di metalli.

"Le supernovae superluminose erano gia' le rockstar delle supernovae", ha osservato Nicholl - e ora sappiamo che quelle 'heavy metal', come questa, esplodono anche nelle galassie simili alla Via Lattea". Se una di esse si trovasse nella nostra galassia, "sarebbe molto piu' brillante di qualsiasi altra supernova e sarebbe luminosa come la luna piena", ha osservato uno degli autori, Edo Berger del CfA.

Le supernovae sono uno dei fenomeni più energetici dell'Universo: si formano quando una stella massiccia esaurisce il carburante e collassa su se stessa, generando un'esplosione durante la quale scaglia nello spazio i suoi strati piu' esterni, mentre al centro resta il nucleo molto denso. Secondo i ricercatori, al centro della supernova SN 2017egm ci sarebbe una magnetar, ossia una stella di neutroni estremamente densa e con un fortissimo campo magnetico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA