Nei cieli del Nord non era un meteorite ma un 'sassolino' luminoso

Astrofisico Masi, era solo un bolide spettacolare ma ordinario

Redazione ANSA

Errore chiamarlo meteorite, il fenomeno visto ieri sera nei cieli del Nord Italia era solo un bolide, ossia una meteora più luminosa del solito. Lo ha detto l'astrofisico Gianluca Masi responsabile del Virtual Telescope. ''Si può parlare di meteorite - ha aggiunto - solo quando si trova un frammento a terra ma in questo caso non è stato trovato niente''.

Una telecamera installata a Cuneo dal network Italian meteor and Tle Network, che ha l'obiettivo di monitorare le meteore, ha proseguito Masi, ha documentato la scia luminosa del bolide.

''Per quanto spettacolari i bolidi sono ordinari e ben noti'', ha osservato Masi. Sono causati, ha detto ''dall'impatto con l'atmosfera di un frammento di polvere interplanetaria, un po' più grande di quelli che causano le meteore o stelle cadenti''.

Le dimensioni dei frammenti che danno origine ai bolidi ''sono simili a quelle di un sassolino, mentre le meteore sono causate da frammenti grandi quanto un granello di sabbia''. La scia luminosa pare sia stata associata anche a un boato: ''niente di sorprendente - ha rilevato l'astrofisico - il rumore è associato ai bolidi, perché è causato dall'onda d'urto generata in atmosfera dall’impatto del frammento''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: