Nuovi occhi per riscrivere l'origine dei pianeti

Sono quelli del radiotelescopio Alma

dell'inviata Enrica Battifoglia

CHAJNANTOR - Occhi molto speciali si preparano a riscrivere la storia di stelle e pianeti: sono quelli del radiotelescopio più grande del mondo, Alma, che si trova a 5.000 metri di quota sulle Ande cilene, a Chajnantor, al confine con la Bolivia. In questo momento di particolare entusiasmo per il susseguirsi delle scoperte di pianeti esterni al Sistema Solare, i telescopi ottici sono letteralmente a caccia di immagini mentre i radiotelescopi come Alma punto a studiare con un dettaglio maggiore i meccanismi grazie ai quali masse caotiche di gas e polveri cominciano ad aggregarsi per dare origine a pianeti e stelle.

"Non abbiamo idea di come le teorie attuali possano cambiare, ma con Alma potremo avere nuovi dati e raggiungere una precisione tale da poter individuare anche le molecole organiche alla base dei mattoni della vita", ha detto l'astronomo Bill Dent, che nel centro di controllo di Alma gestisce insieme ai suoi colleghi l'enorme quantità di dati raccolte dalle 66 antenne del radiotelescopio nato dalla collaborazione tra Osservatorio Europeo Australe (Eso), Stati Uniti, Giappone, Canada, Taiwan, Corea del Sud e Cile.

Le antenne sono state costruite in Italia dalla Thales Alenia Space (Thales-Leonardo). L'obiettivo ambizioso è riscrivere la storia delle origini, chiarendo i meccanismi che hanno portato alla formazione di pianeti, stelle e galassie. La chiave per raggiungerlo è esplorare nel cosmo il mondo dell'infinitamente piccolo utilizzando lunghezze d'onda inferiori a un millimetro. Soltanto in questo modo diventa possibile analizzare i singoli granelli delle polveri che potranno generare nuovi pianeti o i gas che daranno origine a nuove stelle. "Le polveri sono oggetti interessanti e che possono rivelarci molte cose", ha osservato Dent.

Fare un salto in avanti in questa direzione è necessario, ha aggiunto, perché "le teorie attuali della formazione dei pianeti considerano aspetti macroscopici, che non riescono a spiegare i meccanismi con i quali le polveri si aggregano e acquisiscono una massa sempre maggiore". Alma promette di fornire una grandissima mole di dati e per analizzarli, negli edifici che si trovano vicino alle antenne è al lavoro uno dei supercomputer più potenti, chiamato Correlator. "ci aspettiamo - ha concluso Dent - risultati fantastici".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA