Osservati per la prima volta i buchi neri 'mancanti'

Di taglia media, massa 2.200 volte il Sole

Redazione ANSA

Arriva la prima conferma dell'esistenza dei buchi neri 'mancanti': hanno una massa intermedia fra quelli giganteschi e i piu' piccoli, con una massa di 2,200 volte quella del Sole e sono stati visti solo adesso, dopo essere stati inseguiti a lungo. Li ha descritti sulla rivista Nature il gruppo del Centro di Astrofisica Harvard-Smithsonian guidato da Bulent Kiziltan.

I buchi neri popolano l'universo in grandissimo numero
I primi buchi neri di taglia media mai osservati sono distanti 13.000 anni luce e mettono fine alla lunga controversia che finora divideva la comunita' scientifica. Sebbene siano 'invisibili' sappiamo che i buchi neri popolano l'universo in grandissimo numero, tanto che solo nella nostra galassia potrebbero essercene 100 milioni. Buona parte di questi sono i piu' piccoli, che hanno comunque una massa di poche decine di volte quella del Sole e sono cio' che resta dopo la morte violenta delle grandi stelle; altri, piu' rari, sono invece enormi e si trovano generalmente al centro delle galassie.

Ben poco si sapeva dei buchi neri di taglia media
Ben poco si sapeva invece dell'esistenza di buchi neri 'intermedi', con una massa compresa tra 100 e 10.000 volte quella del Sole. Nel passato alcuni studi ne avevano intuito l'esistenza, ma senza avere dati convincenti. Le nuove osservazioni potrebbero essere la prova tanto attesa e arrivano dalle pulsar, le stelle piccole ed estremamente dense che emettono potenti radiazioni. Osservando quelle che affollano l'ammasso globulare 47 Tucanae i ricercatori hanno scoperto che le loro orbite sono modificate dalla presenza di un corpo invisibile, che secondo le stime avrebbe una massa di 2.200 volte quella Sole.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA