Giornata delle donne e la scienza, per molte significa libertà - VIDEO

La voce delle ricercatrici italiane

Redazione ANSA

Crescita, libertà, speranza e un pizzico di avventura: significa soprattutto questo, la scienza, per le ricercatrici italiane. E' quanto emerge dal video che raccoglie le voci delle esperte dell'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit), preparato in occasione della Giornata Internazionale delle Donne e le Ragazze nella scienza promossa dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite a partire dal 2015.

L'obiettivo è evidenziare il ruolo delle ricercatrici di ogni età nel mondo della scienza e della tecnologia per "promuovere la piena ed equa partecipazione di donne e ragazze nelle scienze, in materia di istruzione, formazione, occupazione e processi decisionali".

"Che cosa è la scienza per te?" è stata la domanda posta a protagoniste di ricerche di frontiera nel campo della robotica, come Barbara Mazzolai, alla quale si devono i primi robot pianta, l'esperta di neuroscienze e problemi della visione Monica Gori e la manager della ricerca Laura Margheri, accanto a Chiara Bartolozzi, che studia robotica e percezione, e Francesca Santoro, riconosciuta fra le più grandi innovatrici dalla classifica stilata dal Massachusetts Institutte of Technology (Mit).

Per tutte loro la scienza è quello hanno "sempre voluto fare", "avventura" ma anche "insonnia", "scoprire qualcosa di nuovo" e "dare nuove possibilità per i bambini", capacità di "mettere in discussione e migliorare la società", "stupore" e "non smettere mai di imparare", "migliorare la qualità della vita".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: