Con il DNA ...

di Doriana e Gloria, 12 anni, Senigallia

Redazione ANSA

In un incontro nella biblioteca di Senigallia un giornalista dell’ANSA ci ha fatto conoscere un fisico-matematico di nome Marco Lenci proveniente dall’ Università di Bologna. Il suo studio è concentrato sul moto dei sistemi dinamici ossia l’evoluzione dei corpi in movimento nel tempo. Ad esempio l’evoluzione dei corpi celesti e il movimento degli astri.

Gli argomenti principali della nostra discussione sono stati le caratteristiche e le possibilità di utilizzo del DNA. In particolare ci ha spiegato che in questi mesi Lenci e un suo collaboratore di nome Riccardo Pascuzzo stanno cercando di poter rivelare l’età biologica e anagrafica di una persona grazie al DNA. Molti di voi penseranno:”Ma a cosa serve sapere la propria età biologica ( l’età che abbiamo per il nostro corpo) ?” Mettiamo il caso che ad una persona di 30 anni venga rilevata l’età biologica di 45 anni e ad un’altra persona sempre della stessa età quella di 20 anni. Se si riuscisse a capire il perché di questa differenza si potrebbe aiutare molte persone malate di invecchiamento precoce.

Per chi non sapesse bene cosa sia il DNA cerchiamo di spiegarvelo brevemente. Il DNA è un lunghissimo filamento simile ad una scala a chiocciola che si trova uguale in tutte le cellule e non cambierà mai nella nostra vita. E’ come un libretto di istruzioni del nostro organismo in cui in ogni pagina c’è un informazione sulla persona. Tutte le cellule specializzate svolgono il loro lavoro grazie ad esso.
Ma come fanno le cellule a capire che parte leggere di questo lungo libretto? In alcune parti del filamento sono attaccate delle sostanze chimiche che, coprendo parte del DNA impediscono la lettura di informazioni non utili a quelle cellule. Questo fenomeno delle guaine viene chiamato metilazione.

Però ciò che serve per cercare l’età biologica e anagrafica dal DNA non è il filamento stesso, ma ciò che si trova attaccato sopra il DNA. Delle guaine si spostano sopra il DNA a seconda dell’età della persona. Dei chip rilevano le parti coperte e a seconda di dove si trova la guaina si cerca di rilevare parte delle informazioni sull’età. Speriamo che questo articolo vi sia stato d’aiuto e che abbiate le idee più chiare sul DNA e sulle evoluzioni della scienza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA