Il grafene si 'accende', svolta per le telecomunicazioni

Interruttore scoperto grazie a studio Ue, Italia in prima fila

Redazione ANSA

Scoperta una rivoluzionaria proprieta' del grafene che potrebbe imprimere una svolta nel campo delle telecomunicazioni: il 'materiale delle meraviglie', costituito da un sottilissimo foglio di atomi di carbonio, e' in grado di 'accendersi' a comando, generando un arcobaleno di luci che puo' essere regolato elettricamente. Il fenomeno, finora neppure previsto, potrebbe essere sfruttato per realizzare nuovi dispositivi ottici miniaturizzati per trasmettere su banda larga un'impressionante quantita' di dati in modo ultra veloce. A indicarlo e' lo studio pubblicato sulla rivista Nature Nanotechnology dal Politecnico di Milano con l'Universita' di Cambridge e l'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit). La ricerca rientra nell'ambito del progetto bandiera europeo Grafene, da un miliardo di euro in dieci anni.

"Il grafene e' un materiale che non finisce mai di sorprenderci", afferma Giulio Cerullo, del Dipartimento di Fisica del Politecnico di Milano. "Sapevamo che se viene colpito con una luce infrarossa invisibile finisce col produrre un'intensa luce visibile dotata di una frequenza tripla rispetto a quella di partenza. Cio' che abbiamo scoperto con questo nuovo studio e' che la luce di colore visibile generata dal grafene puo' essere accesa o spenta in modo molto semplice, tramite una tensione applicata al materiale. Si tratta di una proprieta' unica del grafene".

"Questo importante risultato - sottolinea Andrea Ferrari dell'Universita' di Cambridge - potrebbe portare a nuovi dispositivi per le comunicazioni ottiche che lavorano su un amplissimo intervallo di frequenze, consentendo l'elaborazione e la trasmissione di una grandissima quantita' di informazione". Numerose anche le applicazioni pratiche nelle tecnologie laser e nella lavorazione dei materiali. Potrebbe anche essere possibile la produzione di luce di nuovi colori da usare in spettroscopia, per consentire ai ricercatori di acquisire una nuova comprensione della materia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA