Fusione, accordo Enea-Regione Lazio per l'energia del futuro

Macchina sperimentale DTT da 500 milioni

Redazione ANSA

Firmato tra Enea e Regione Lazio il protocollo d'Intesa per avviare la realizzazione dell'esperimento DTT (Divertor Tokamak Test) presso il Centro Ricerche dell'Enea a Frascati. La macchina, che prevede investimenti pubblici e privati per 500 milioni di euro, è destinata a fornire risposte sulla fattibilità scientifica e tecnologica della produzione di energia dalla fusione nucleare. La firma, rende noto l'Enea, "segna l'avvio del percorso per la creazione di un polo scientifico-tecnologico tra i più avanzati al mondo per la ricerca sulla fusione nucleare".

La Regione si impegna a erogare un contributo di 25 milioni di euro per realizzare le opere infrastrutturali, come la linea elettrica da 300 MVA che dovrà essere completata entro il 2023. Si prevede inoltre che la macchina possa dare impiego a oltre 1.500 persone specializzate e coinvolgere centri di ricerca, università e imprese attive nei settori della superconduttività, meccanica di precisione, elettronica di potenza, materiali e componenti ad alta tecnologia.

Si prevede che alla firma del protocollo segua una convenzione, la cui firma è prevista entro il 31 gennaio 2019, tesa a "disciplinare nel dettaglio - si legge ancora nella nota - tempi e modalità di intervento della Regione nell'ambito della programmazione complessiva della realizzazione della Dtt, la cui responsabilità è in capo all'Enea". La macchina è il risultato di una grande collaborazione nazionale e internazionale che vede, accanto a Enea e Regione Lazio, vede la partecipazione della Repubblica Popolare Cinese accanto al consorzio europeo Eurofusion, che gestisce le attività di ricerca sulla fusione per conto della Commissione europea, ai ministeri dell'Istruzione, Università e Ricerca e dello Sviluppo economico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: