Carica elettrica senza fili, dalle auto ai pacemaker

Con un sistema ispirato alla fisica quantistica

Redazione ANSA

Dalle auto elettriche ai pacemaker, caricare elettricamente gli oggetti diventa possibile senza bisogno di collegarli alla rete elettrica con i fili e anche  in quando sono in movimento. Lo indica l'esperimento condotto nell'università californiana di Stanford e descritto sulla rivista Nature, nel quale è stata caricata a distanza una lampadina a Led senza che questa fosse collegata alla rete elettrica per mezzo di cavi e utilizzando un dispositivo ispirato ai principi della fisica quantistica.



Sfruttando e migliorando una tecnologia sviluppata nel Massachussets institute of technology (Mit) nel 2007, il gruppo di ricerca coordinato da Shanhui Fan è riuscito a trasmettere una carica elettrica di 1 milliwatt (per le automobili elettriche servono decine di chilowatt) ad una lampadina a Led che si muoveva tra due bobine magnetiche nel raggio di un metro. Il circuito elettrico così costruito ha trasferito l'energia in modo efficiente e costante a distanze diverse.

E' stato possibile sfruttando il principio di simmetria della fisica quantistica, secondo il quale i fenomeni fisici si ripetono in modo identico nel tempo e nello spazio. I ricercatori stanno ora lavorando per migliorare l'efficienza del sistema e per aumentare la distanza alla quale si riesce a trasferire energia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA