Mappe più 'facili' per il Dna umano

Con una macchina tascabile

Redazione ANSA

Pronto il primo sequenziatore tascabile per il Dna: grande come una mano, promette di rendere questa analisi sempre più comune, veloce e affidabile. Lo strumento, illustrato nella rivista Nature Biotechnology, potrebbe gettare luce sul cosiddetto 'lato scuro' del Dna, cioè su quelle regioni definite un tempo 'Dna spazzatura' ma che sono considerate sempre più importanti per la comparsa di malattie. Coordinati da Nicholas Loman, dell'Università di Birmingham e Matthew Loose, dell'Università di Nottingham, i ricercatori hanno perfezionato un dispositivo che può lavorare lunghi tratti di Dna, fino a quasi 900.000 lettere.

Provato su alcune cellule umane, l'apparato ha mostrato un'accuratezza superiore al 99%. "Si tratta di un risultato davvero importante - ha commentato all'ANSA Stefano Gustincich, direttore del Dipartimento di Neuroscienze e Tecnologie del Cervello dell'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) - che consente per la prima volta di sequenziare tratti di Dna molto più lunghi delle poche centinaia di lettere di adesso. In questo modo - ha aggiunto lo studioso, il cui gruppo di ricerca ha da poco iniziato a usare il nuovo strumento - è più facile ricomporre il puzzle del nostro genoma perché non avremo solo sequenze brevi, difficili da collocare al posto giusto quando queste sono presenti in migliaia di copie identiche sparse dappertutto".

Il nuovo strumento rende, quindi, più semplice sequenziare le quasi 3 miliardi di lettere del Dna. "In futuro - ha concluso Gustincich - sarà ad esempio più facile ricostruire le differenze nel Dna dei tessuti di uno stesso individuo e ricavare maggiori informazioni sulla parte più 'oscura' del nostro genoma, quella che non contiene geni ma che s'inizia a considerare importante per la genesi di molte patologie".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: