Non più creme solari, ma scudi di Dna

Realizzate sottili pellicole trasparenti che proteggono dai raggi Uv

Redazione ANSA

Le tradizionali creme solari potrebbero andare presto in pensione, sostituite da pellicole di Dna che agiscono come uno scudo, assorbendo i raggi Uv e proteggendo in questo modo la pelle: realizzate da ricercatori della Binghamton University di New York, queste innovative pellicole trasparenti diventano sempre più efficienti man mano che vengono esposte al sole e aiutano anche a mantenere la pelle idratata, come riportato sulla rivista Scientific Reports.

“I raggi ultravioletti possono danneggiare il Dna, cosa che sicuramente non è un bene per la pelle”, ha affermato Guy German, che ha guidato il gruppo. “Perciò abbiamo pensato di invertire la situazione – ha aggiunto – esponendo ai danni uno strato di Dna sopra la pelle per proteggere quello che si trova dentro”. In quest’ottica i ricercatori hanno sviluppato uno strato sottilissimo e trasparente di Dna e lo hanno messo alla prova irradiandolo con raggi Uv, scoprendo che più tempo passava alla luce e più diventava efficiente nell’assorbire i raggi dannosi. “Questo vuol dire che più a lungo si sta sulla spiaggia – ha concluso German – più la protezione solare migliora”.

Inoltre la pellicola di Dna aiuta la pelle a immagazzinare e trattenere l’acqua, rallentandone l’evaporazione e mantenendola idratata più a lungo. Oltre alle creme e ai filtri solari, i ricercatori sostengono che lo stesso metodo potrebbe avere anche altre applicazioni, ad esempio per coprire e proteggere le ferite dall’ambiente esterno: usare una pellicola trasparente avrebbe l’indubbio vantaggio di poter osservare la guarigione della ferita senza rimuovere la protezione e allo stesso tempo di proteggerla dal sole e mantenerla umida.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA