4 morti su lavoro, pm chiede 8 condanne

Incidente nel 2014, vittime operai per nube tossica

(ANSA)- ROVIGO, 02 OTT - Il pm Sabrina Duò ha chiesto le condanne per gli 8 imputati al processo sulla morte di 4 persone, il 22 settembre 2014 nell'azienda di lavorazione fanghi Coimpo di Adria (Rovigo). Gli imputati, accusati di omicidio colposo plurimo, rischiano pene che vanno da un anno e mezzo a 10 anni di reclusione. La discussione riprenderà il 7 ottobre e terminerà il 9, con le difese e la lettura del dispositivo da parte del giudice monocratico rodigino Nicoletta Stefanutti. La causa delle morti, per i consulenti incaricati dal giudice Stefanutti, è da attribuire alla nube tossica che si sarebbe sviluppata in seguito allo sversamento di acido solforico in una vasca piena di liquami e altre sostanze in gestione all'Agribiofert, azienda che si trovava alla Coimpo per produrre fertilizzanti. La Coimpo lavorava i liquami, cioè gli scarti di depurazione delle acque di scarico. Al termine del processo di stabilizzazione i fanghi venivano versati nei campi agricoli e poi venivano usati come concimi nelle campagne.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere