Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Due abitazioni evacuate dopo una frana in Trentino

Due abitazioni evacuate dopo una frana in Trentino

Colata di fango a Villa Rendena dopo le piogge

TRENTO, 01 aprile 2024, 18:44

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Uno degli interventi più rilevanti effettuati dalla protezione civile trentina a seguito delle piogge violente ha avuto come teatro Villa Rendena dove si è verificato uno smottamento sul versante a monte di alcuni edifici.
    "Lo smottamento - spiegano i tecnici della Provincia autonoma di Trento - è stato causato dalla saturazione del terreno a seguito delle abbondanti precipitazioni ed ha interessato il deposito glaciale costituito per la maggior parte da accumuli di argilla e fanghi all'interno dei quali erano inglobati ciottoli ma anche massi di grandi dimensioni. Il materiale franato, che ha trascinato anche piante di alto fusto, è arrivato anche ad interessare il cortile di una casa ed ha lambito una seconda abitazioni lì vicina".
    I geologi della Provincia hanno effettuato già questa mattina a un sopralluogo che ha rivelato la presenza di diverse fratture nel terreno che indicano l'attuale instabilità del versante presente a monte del dissesto.
    Di qui la necessità di mettere in sicurezza - mediante ordinanza di sgombero firmata dal sindaco - i residenti negli edifici interessati dal fenomeno. Già domani si procederà con i primi interventi d'urgenza. E' prevista la demolizione di un grosso masso granitico (circa 3 metri cubi) che risulta instabile e la cui caduta coinvolgerebbe le abitazioni sottostanti. Si provvederà poi alla realizzazione di una barriera provvisoria a monte delle abitazioni ed il taglio di alcuni alberi che si trovano sul ciglio della nicchia di frana.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza