Braccio di ferro Provincia-Sad, si ferma trenino del Renon

Bus sostitutivi anche per funivia Renon e funicolare Mendola

(ANSA) - BOLZANO, 18 MAG - A causa del braccio di ferro tra la Provincia di Bolzano e l'ormai ex gestore Sad da domani si fermano il famoso trenino del Renon, come anche la funivia del Renon e la funicolare della Mendola. Le tre linea passano infatti a una gestione in-house, ma fino alla decisione del Consiglio di Stato di Roma sul ricorso urgente presentato da Sad attesa per venerdì, sarà previsto un servizio di autobus sostitutivo.
    "Oggi - comunica la Provincia - terminano definitivamente le concessioni rilasciate dalla Provincia di Bolzano alla Sad Spa.
    Dal 1991 tali concessioni normano l'esercizio della funivia del Renon, della ferrovia a scartamento ridotto del Renon e della funicolare della Mendola. L'immediata ricognizione della situazione da parte della Provincia ha dato come esito il fatto che l'affidamento dei servizi alla propria società in-house Sta è la soluzione più economica ed efficiente".
    "La concessione, a suo tempo affidata senza gara a Sad, un'azienda privata, è stata prorogata più volte. Come pubblica amministrazione abbiamo il dovere, in conformità con il diritto europeo e nazionale, di affidare il servizio a una struttura provinciale o metterla in gara. La Giunta provinciale ha scelto - dopo un'attenta ricognizione tecnica e legale - di adottare la soluzione in-house", ha detto l'assessore provinciale per la mobilità Daniel Alfreider. L'obiettivo dell'intervento provinciale è quello di "continuare a garantire il servizio alla cittadinanza sulla Mendola e sul Renon". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Videonews Alto Adige-Südtirol

        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere

        Qualità Alto Adige




        Modifica consenso Cookie