Serie A: Atalanta-Sassuolo 5-1. Roma-Sampdoria 1-0

Fiorentina-Bologna 0-0, Parma-Torino 0-3, Genoa-Lazio 1-1, Cagliari-Napoli 1-4, Spezia-Verona 0-1

 LA CRONACA DELLE PARTITE

Atalanta-Sassuolo 5-1
Fiorentina-Bologna 0-0
Parma-Torino 0-3
Roma-Sampdoria 1-0
Genoa-Lazio 1-1
Cagliari-Napoli 1-4
Spezia-Verona 0-1

TUTTE LE FOTOGALLERY

Napoli e Atalanta a valanga rispettivamente su Cagliari e Sassuolo. La Roma si conferma al terzo posto superando di misura la Sampdoria. Preziose vittorie del Torino a Parma e del Verona sullo Spezia. Pareggi tra Fiorentina-Bologna e Genoa-Lazio. 

Zapata apre la via, la primizia da nerazzurro di Pessina poco prima della pausa per il tè la spiana del tutto. E nella ripresa il colombiano e Gosens la chiudono subito, scacciando i fantasmi della rimonta sul pari del Bologna nell'ultima del 2020, prima di completare lo schiaffo a cinque dita con Muriel e del gol della bandiera di Chiriches. Il diesel chiamato Atalanta al cospetto del Sassuolo si fa mettere sotto per nove minuti per poi esplodere in un fuoco di fila di azioni e puntate verso lo specchio, 16 solo al 45' di cui due a segno. Un 5-1 prezioso contro una squadra formato trasferta, viste le cinque vittorie corsare su 7 (e i 17 punti su 26) alla vigilia (12 su 22 per l' Atalanta): in classifica bergamaschi a -1 (25 a 26) con Udine da recuperare.

Missione compiuta nella prima gara del 2021 per la Roma, che sotto una pioggia incessante ha battuto pur con fatica la Sampdoria nel delicato rientro dopo la pausa, e ha mantenuto la preziosa terza posizione in classifica. Un successo che è stato frutto del duro lavoro di tutta la squadra ma che porta la firma del vero pilastro della struttura giallorossa, Edin Dzeko. Il bomber bosniaco, tanto efficace quanto discusso, ha trovato il varco giusto nella solida difesa blucerchiata a meno di 20' dal fischio finale, siglando il suo 114/o gol proprio in occasione della 200/a presenza con la maglia della Roma.

Due gol di Zielinski, uno di Lozano e un altro di Insigne su rigore. E il Napoli ritrova spirito, gioco, vittoria e gol. Quattro a uno alla Sardegna Arena contro un Cagliari che brilla solo un attimo, al momento della rete del momentaneo pareggio del solito Joao Pedro. Per il resto solo Napoli dall'inizio alla fine. Con la partita finita praticamente con 25 minuti di anticipo dopo l'espulsione a metà ripresa di Lykogiannis per doppio giallo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie