Nba: i Lakers battono i Knicks ai supplementari

Successo Warriors sui Suns

I Lakers vincono 101-99 al supplementare e i Knicks rimandano l'appuntamento playoff, Miami batte Boston e si prende l'accesso diretto alla postseason.
    Philadelphia in Indiana interrompe una striscia di 8 successi: Brooklyn e Milwaukee ne approfittano battendo Chicago e Orlando.
    Golden State supera Phoenix e risponde a Memphis che travolge nella ripresa Dallas. Tutto facile per i Clippers contro Toronto, inseguiti al 3° posto a Ovest da Denver che vince a Charlotte. Sconfitte pesanti in chiave Lottery per Detroit e OKC La partita più divertente, combattuta e sofferta della notte NBA si decide soltanto dopo 5 minuti supplementari e a farlo non poteva che essere un giocatore di Chicago. Nel testa a testa tra Anthony Davis e Derrick Rose però, a piazzare la zampata a 20.3 secondi dalla sirena è il giovane Talen Horton-Tucker, che manda a bersaglio la tripla più importante della stagione gialloviola (13 punti e 10 assist per lui), riportando i Lakers a una sola gara di distanza dal 6° posto a Ovest A pesare al termine dei regolamentari invece è la super difesa di Anthony Davis, che sul -2 Lakers riesce a contenere Julius Randle e a regalare alla squadra di Los Angeles un'ultima chance. La tripla dall'angolo con spazio sbagliata sembrava aver condannato i Lakers, prima del tap-in a rimbalzo d'attacco di Wesley Matthews che vale il 91-91 per allungare la gara. Alla fine possono sorridere i campioni in carica, con AD (20 punti, 6 rimbalzi e 4 assist) che assieme a un sollevato LeBron James - tenuto ancora a riposo - prendono in giro a distanza Una partita che sembrava vinta dai Knicks, in affanno in attacco, ma abili nel trovare canestri complicati grazie alle giocate di Derrick Rose - 27 punti con 22 tiri e 6 assist in uscita dalla panchina - a cui si aggiungono anche i 31 punti, 8 rimbalzi e 5 assist di Julius Randle; a bersaglio con la tripla del sorpasso nell'ultimo minuto di overtime che aveva il sapore della qualificazione diretta ai playoff. New York invece dovrà rimandare l'appuntamento di qualche altro giorno: dopo aver aspettato 8 anni, l'attesa per la gara contro gli Spurs sarà sopportabile 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie