Atletica: doping; Tas scagiona il lunghista Lawson

Accolta la tesi della positività per consumo di carne bovina

(ANSA) - LOSANNA, 09 MAR - Il Tribunale di arbitrato dello sport (Tas) ha annullato la sospensione di 4 anni per doping dell'americano Jarrion Lawson, vice campione del mondo nel salto in lungo 2017, ritenendo che all'atleta non possa essere addossata "nessuna colpa o negligenza". Lawson era risultato positivo all'epitrenbolone, uno steroide anabolizzante.
    Era stato fermato temporaneamente dall'agosto 2018 e poi sospeso per quattro anni a giugno 2019. Lawson ha vinto la medaglia d'argento nella competizione del lungo ai Mondiali di Londra nel 2017 con un salto a 8,44 m , dietro il sudafricano Luvo Manyonga. Un anno prima, era arrivato quarto alle Olimpiadi di Rio.
    Per spiegare la sua positività, l'atleta aveva invocato il consumo di carne bovina. Il Tas ha ritenuto questa spiegazione "più che probabile" ed ha annullato la sospensione. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie