• Golf: PGA Championship, Major inizia nel segno di Day e Todd

Golf: PGA Championship, Major inizia nel segno di Day e Todd

Due leader a San Francisco. Woods è 20/o, Thomas solo 68/o

(ANSA) - ROMA, 07 AGO - Le prodezze di Jason Day e Brendon Todd. La bagarre al terzo posto con nove giocatori che tallonano i due leader. Quindi la conferma di Brooks Koepka e l'avvio positivo di Tiger Woods. Oltre alle difficoltà di Jon Rahm, Rory McIlroy e Justin Thomas.
    A San Francisco la 102esima edizione del PGA Championship, primo Major (per la prima volta dal 1971) 2020 (in scena a porte chiuse), ha regalato sorprese e delusioni.
    Cinque anni dopo l'impresa Major al PGA Championship e nel secondo torneo senza il suo storico allenatore Colin Swatton (strade separate dopo 20 anni di collaborazione), Day (ex numero uno al mondo), con uno score di 65 (-5), il più basso della sua carriera nel primo giro di un evento del Grande Slam, è volato in testa alla classifica insieme a Todd, tra gli outsider del golf mondiale.
    Per la prima volta dal 2000 sono due, al termine della manche iniziale, i leader del PGA Championship. Ma alle loro spalle ci sono 9 inseguitori, tutti al 3/o posto (66, -4), ad un solo colpo dalla vetta. Tra questi anche Brooks Koepka (campione delle ultime due edizioni e caccia di uno storico tris), Justin Rose (oro ai Giochi di Rio de Janeiro 2016), Xander Schauffele e Martin Kaymer (ex numero 1 al mondo nel 2011).
    Prova positiva per Woods, 20/o (68, -2). Il californiano, che punta il quinto successo nella rassegna per eguagliare il record di Walter Hagen e Jack Nicklaus, e la 16esima impresa Major (oltre all'83esimo exploit sul PGA Tour per diventare il nuovo primatista assoluto), ha grossi margini di miglioramento. "Ho giocato abbastanza bene - le dichiarazioni di Tiger - pur sbagliando qualcosa di troppo". Cinque birdie e tre bogey per "The Big Cat", al quarto torneo del 2020. Stesso score, tra gli altri, per Bryson DeChambeau (tra i favoriti della vigilia) e Patrick Reed.
    Condividono invece la 48/a piazza (70, par) Rahm e McIlroy, due dei quattro giocatori insieme a Dustin Johnson (33/o con 69, -1) e Webb Simpson - 68/o (71, +1) come Justin Thomas (che ha perso una palla spedita tra i cipressi alla settima buca, rimediando anche un colpo di penalità), tornato leader mondiale dopo l'impresa a Memphis nel WGC-FedEx St. Jude Invitational - a gareggiare per provare a conquistare la vetta.
    Non tutti i big incantano al TPC Harding Park (par 72) che, per la prima nella sua storia, ospita un Major. In campo 91 tra i migliori 100 giocatori al mondo, di cui 48 tra i primi 50 (con le sole assenze di Francesco Molinari e Lee Westwood).
    Tredici mesi dopo l'ultimo Major (l'Open Championship nel luglio 2019) il grande golf è tornato protagonista con il PGA Championship, evento che mette in palio un montepremi stellare di 11.000.000 di dollari, di cui 1.980.000 andranno al vincitore. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie