Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Allarme di Meloni sui migranti: "Serve più Ue sul fronte sud"

Allarme di Meloni sui migranti: "Serve più Ue sul fronte sud"

Allo studio un nuovo ecreto flussi. Tajani: "Vorremmo lavoratori già formati"

 La gestione dei rimpatri deve essere "europeizzata". Questo approccio "è indispensabile" e "ci vuole più Europa sul fronte sud", perché "da soli non possiamo gestire un flusso con dimensioni ormai ingestibili".

Giorgia Meloni rilancia le richieste del suo governo nei confronti di Bruxelles, e lo fa da un palco, quello dei Med Dialogues, cruciale per il suo piano di rendere l'Italia un hub del Mediterraneo: una strategia in cui la questione dei migranti si intreccia con quella dello sviluppo dei Paesi vicini, ma anche con l'emergenza energetica. 

L'INTERVENTO DI MELONI

L'esecutivo di centrodestra, sul fronte interno, sta studiando un nuovo decreto flussi, che si annuncia con quote non lontane da quella di 69.700 ingressi fissata nell'ultimo, un anno fa. Con i colleghi di Interno e Agricoltura, segue il dossier anche il ministro degli Esteri Antonio Tajani. "Vorremmo avere lavoratori che arrivano nel nostro Paese già formati, che abbiano già una destinazione operativa, cioè sapere dove devono andare a lavorare. E poi vorremmo premiare i Paesi che fanno accordi con noi", chiarisce prima di accogliere Meloni assieme all'ambasciatore Giampiero Massolo alla conferenza organizzata dall'Ispi.

Davanti a ministri, capi di Stato e di governo dell'area Med, diplomatici ed esperti, la premier parla circa mezz'ora, in una giornata segnata dall'ennesima tragedia del mare, con tre dispersi e una quarantina di naufraghi messi in salvo dopo il ribaltamento di una barca al largo di Lampedusa. L'intervento ha anche l'effetto di tenere alto il livello dell'allarme, perché dopo il caso della Ocean Viking, anche alla luce del piano in 20 punti presentato due settimane fa dalla Commissione, "l'aria è positivamente cambiata", per dirla con le parole usate ieri dal vicepremier Matteo Salvini.

"Per la prima volta, la rotta del Mediterraneo centrale è stata considerata prioritaria in un documento della Commissione europea, è una vittoria - rivendica la premier -. Non sarebbe accaduto se l'Italia non avesse posto la questione del rispetto della legalità internazionale e la necessità di affrontare il fenomeno delle migrazioni a livello strutturale". "Il Mediterraneo ha bisogno di essere percepito prevalentemente come una comunità di destino e non come un luogo di morte causato dai trafficanti di vite umane", la tesi di Meloni, che chiede all'Ue di "rilanciare la cooperazione migratoria con i partner dell'Africa e del Mediterraneo, che devono essere maggiormente coinvolti nel contrasto a traffico esseri umani". In sostanza, "ci vuole più Europa sul fronte sud", l'esortazione della presidente del Consiglio, secondo cui "molte delle politiche europee rischiano di essere incomplete se non collocate in una più ampia dimensione mediterranea".

La critica riguarda i migranti e non solo. A un'Unione che "non riesce a controllare più niente" delle catene di approvvigionamento energetico, chiede "un segnale forte", ossia "spostare il baricentro degli scambi energetici europei proprio verso il Mediterraneo". E si può leggere anche un messaggio ai partner europei dietro il ragionamento sull'energia come "bene nazionale ma anche inclusivo e quindi comune".

Dal canto suo, Meloni dall'inizio del mandato ripete di voler puntare su un 'piano Mattei per l'Africa', "un approccio con una postura non predatoria ma collaborativa", perché "la nostra prosperità non è possibile se non c'è anche quella dei nostri vicini". E perché così si "contrasterebbe più efficacemente il preoccupante dilagare del radicalismo islamista, soprattutto nell'area subsahariana". Sono realtà, dice pensando anche Iran e Afghanistan, "così complesse" in cui "non c'è avvenire" senza libertà per giovani e donne. In questo scenario è "urgente" la stabilizzazione della Libia, dove Tajani si prepara ad andare per "un accordo generale" sui migranti.

L'esecutivo tiene stretti rapporti anche con la Tunisia, la Turchia, nonché con i Paesi dell'Africa subsahariana come Mauritania e Niger, con i cui presidenti Meloni negli ultimi due giorni ha avuto lunghi incontri.

Meloni al presidente nigeriano Bazoum: "Combattiamo terrorismo e immigrazione illegale" 
"A margine di Med Dialogues 2022 ho incontrato il Presidente del Niger Mohamed Bazoum. Al centro del colloquio la situazione di instabilità del Sahel e il ruolo centrale del Niger nel contrasto al terrorismo e nella gestione dei flussi migratori irregolari verso il Mediterraneo centrale".ha scritto in tarda serata su Twitter Meloni. "Ho ribadito la volontà di lavorare insieme per combattere il radicamento dell'estremismo islamico e dell'immigrazione illegale, attraverso un modello di cooperazione che miri a valorizzare le potenzialità delle nazioni africane e conduca a risultati tangibili di reciproco beneficio".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA



Modifica consenso Cookie