• Immuni, Conte "obbligo morale scaricarla", l'ANSA aderisce alla Campagna

Immuni, Conte "obbligo morale scaricarla", l'ANSA aderisce alla Campagna

Fieg in campo. Speranza-Martella, grazie a giornali per sostegno. L'ANSA aderisce alla campagna della presidenza del Consiglio e del Ministero della Salute

Il governo spinge sulla diffusione della app Immuni: tra gli strumenti messi in campo per far fronte all'aumento dei contagi c'è la campagna per promuovere l'uso dell'applicazione per il tracciamento dei positivi al coronavirus che da metà ottobre dialogherà con le sue omologhe in Europa. All'iniziativa, promossa dal 5 all'11 ottobre, "hanno aderito tutte le testate giornalistiche, pubbliche e private", sottolinea il premier Giuseppe Conte che non esita a definire "un obbligo morale partecipare a questo programma. I dati restano anonimi, la geolocalizzazione è disattivata", sottolinea.
    Secondo gli ultimi dati sono 6,7 milioni le persone che hanno scaricato Immuni, attualmente usata da circa il 18% della popolazione italiana tra i 14 e i 75 anni che possiede uno smartphone: una percentuale lontana dall'obiettivo del 60% affinché il sistema sia efficace nel contenere la pandemia.
   "Scaricate Immuni, è un dovere morale verso gli altri", insiste anche il ministro della Cultura Dario Franceschini.

    All'invito si è fatta trovare pronta la Fieg: "L'informazione quotidiana e periodica su carta e online promuove l'utilizzo dell'app Immuni e conferma il proprio ruolo di servizio al pubblico, invitando a comportamenti attivi e virtuosi i lettori", rileva Andrea Riffeser Monti. Dopo aver svolto "una importante attività di contrasto alla pandemia con notizie corrette, verificate e attendibili", gli editori sono in prima linea "anche per svolgere una fondamentale funzione di strumento di formazione di cittadini attivi e responsabili".
    Alle testate che nel week end rivolgeranno un messaggio ai cittadini affinché scarichino Immuni arriva il plauso del ministro della Salute, Roberto Speranza, e del sottosegretario all'Editoria, Andrea Martella: "Riteniamo che la stampa possa essere di aiuto nell'ampliare la platea dei cittadini dotati di questo strumento tecnologico ai fini della prevenzione del rischio da contagio. Siamo a un punto cruciale nella battaglia contro il coronavirus e dotarsi di questa app significa tenere lontano anche il rischio di nuove restrizioni che impatterebbero negativamente sul Paese proprio mentre sta ripartendo".
    Nel mondo politico non mancano resistenze: "Io non scarico proprio nulla", premette il capogruppo FdI alla Camera, Francesco Lollobrigida, che chiede piuttosto "informazioni puntuali sulla condotta e sulle azioni del governo proprio in materia di trasparenza e responsabilità". "La battaglia contro il coronavirus, facciamola insieme, maggioranza e minoranze.
    Scaricare l'app Immuni è avere nel proprio telefonino uno strumento di protezione in più", replica il capogruppo Pd a Palazzo Madama Andrea Marcucci.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie