Auckland la più vivibile, il Covid travolge le città europee

Classifica dell'Economist Intelligence Unit. Damasco la peggiore

(ANSA) - NEW YORK, 09 GIU - Auckland è la città più vivibile grazie al successo della Nuova Zelanda nel contenere il Covid, che ha invece avuto profondi effetti negativi sulle metropoli europee. Ne è un esempio Vienna che, dopo aver guidato la classifica delle città più vivibili, fra il 2018 e il 2020 è scivolata in 12ma posizione. E' quanto emerge da uno studio di The Economist Intelligence Unit, secondo cui Damasco si conferma la città meno vivibile al mondo.
    "In Germania, Francoforte, Amburgo e Dusseldorf sono le città che hanno registrato i cali maggiori nella nostra classifica di 140 città. Un trend al ribasso che può essere attribuito all'elevato stress sulle risorse sanitarie durante la seconda ondata di pandemia", spiega The Economist Intelligence Unit, che piazza Roma in 57ma posizione.
    Nella top ten, oltre a Auckland, ci sono Osaka al secondo posto e Adelaide al terzo, mentre Zurigo e Ginevra occupano la settima e ottava posizione. (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie