Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Meloni porta il G7 a Kiev, 'difenderemo la nostra casa' 

Meloni porta il G7 a Kiev, 'difenderemo la nostra casa' 

Zelensky partecipa al summit dei Grandi: 'Contiamo su di voi'

25 febbraio 2024, 16:39

dell'inviato Paolo Cappelleri

ANSACheck

La premier Meloni e il presidente ucraino Zelensky - RIPRODUZIONE RISERVATA

La premier Meloni e il presidente ucraino Zelensky -     RIPRODUZIONE RISERVATA
La premier Meloni e il presidente ucraino Zelensky - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un messaggio di compattezza al fianco dell'Ucraina, una risposta alla "propaganda russa" sull'Occidente stanco, un impegno a rafforzare le sanzioni contro Mosca e un "omaggio" al "sacrificio" di Alexei Navalny, con la richiesta a Vladimir Putin di "chiarire pienamente le circostanze" della morte dell'oppositore. Arrivano questi segnali dal G7 che Giorgia Meloni ha voluto guidare da Kiev nella prima riunione della presidenza italiana, perché "questa terra è un pezzo della nostra casa e noi faremo la nostra parte per difenderla". Con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il primo ministro canadese Justin Trudeau e quello belga Alexander De Croo, che ha la presidenza di turno del Consiglio Ue, la premier arriva all'alba nella capitale, partecipa alle commemorazioni, poi sigla con Volodymyr Zelensky un accordo sulle garanzie di sicurezza.

Quindi, dallo scenario della cattedrale di Santa Sofia, si collega al vertice dei leader. In cui però spicca l'assenza di Emmanuel Macron, sostituito dal suo ministro degli Esteri Stéphane Séjourné. La motivazione, per fonti dell'Eliseo, è l'impegno "per tutto il giorno" al Salone dell'Agricoltura, con focus sulla crisi dei trattori. Il dubbio di uno sgarbo diplomatico nasce dal combinato disposto fra questo cambio di programma e la convocazione, pochi giorni fa, di una riunione sull'Ucraina a Parigi con "diversi capi di Stato e di governo o ministri". In ambienti di Palazzo Chigi si tende a minimizzare, Macron (che ha avuto una telefonata con Joe Biden) avrebbe reso noto in anticipo che non ci sarebbe stato per quell'impegno, "e non potevamo certo spostare il G7". E lo dice durante il summit la stessa premier, mandando i saluti al francese alle prese con una "difficile giornata".

 

Video Ucraina, Meloni: 'Anche noi dobbiamo stare attenti a certa propaganda'

 

In una Kiev avvolta da una surreale normalità, rotta però dagli allarmi aerei, la giornata è invece dedicata alle cerimonie. I leader prima vanno all'aeroporto Antonov di Hostomel, dove la resistenza ucraina a inizio conflitto respinse il tentativo russo di trasformare lo scalo cargo in una testa di ponte. Poi al muro del ricordo, monumento con migliaia di foto e brevi biografie dei caduti, e le testimonianze. Quindi Zelensky li riceve a Palazzo Mariinskyi, dove con Italia e Canada sigla due accordi per le garanzie di sicurezza, quello con l'Italia di durata decennale. "Vinceremo! La follia russa non regnerà sulla nostra terra", è sicuro il presidente ucraino che dopo 730 giorni di combattimenti ringrazia gli alleati per il sostegno, ne chiede ancora e conta sul processo di adesione all'Ue in questo semestre: "Sapete molto bene di cosa abbiamo bisogno per proteggere i nostri cieli, rafforzare le nostre truppe a terra, e per continuare ad avere successo in mare. E vi rendete conto che ne abbiamo bisogno in tempo. Contiamo su di voi". Von der Leyen annuncia a marzo la prima tranche da 4,5 miliardi del fondo da 50 miliardi. E la dichiarazione finale del G7, ribadendo il sostegno alla formula di pace di Zelensky, chiarisce che "i beni sovrani della Russia nelle nostre giurisdizioni rimarranno immobilizzati fino a quando Mosca non pagherà i danni causati all'Ucraina". Garantire risorse e armi non è l'unica sfida per l'Occidente. Va fronteggiata la propaganda russa, spiegano a più voci i leader. Quella di cui bisogna fare "attenzione a non essere anche noi vittime", dice Meloni, che esorta i leader del G7 a spiegare meglio che l'attuale situazione del conflitto "è la nostra vittoria, una vittoria ucraina, e non una vittoria per la Russia". E a essere più efficaci "nello spiegare come il nostro impegno sia fondamentale non solo per noi, ma per tutti". Il bivio, dice, è fra un futuro basato sul diritto Onu o sul caos. Anche perché, "dopo l'Ucraina Putin guardava ad altri Stati vicini, non solo europei". Sullo sfondo ci sono anche i tanti appuntamenti elettorali, a partire dalle Europee. E c'è il timore di una guerra ibrida da parte di Mosca. "Gli europei - è sicura von der Leyen - hanno capito quanto sia pericoloso Putin, basta vedere le informazioni sull'omicidio di Navalny".

 

 

 

Video G7, l'arrivo di Meloni e von der Leyen a Kiev

 

 

Video Kiev, Meloni e gli altri leader depongono fiori in onore dei soldati caduti

 

 

 

Video Ucraina, Zelensky alza il tiro: 'Presto una nuova controffensiva'

 

 

 

 

 

PODCAST | Kiev e noi, due anni dopo

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza