Etiopia e Eritrea ammettono presenza truppe Asmara nel Tigrè

Promettono ritiro in lettera congiunta a Consiglio sicurezza Onu

(ANSA) - ADDIS ABEBA, 17 APR - L'Eritrea ha riconosciuto per la prima volta la presenza di proprie truppe in Etiopia, nella regione travagliata del Tigrè, promettendo di ritirarle, in una lettera congiunta con il governo di Addis Abeba indirizzata al Consiglio di Sicurezza dell'Onu.
    Le truppe dell'Eritrea - Paese con il quale il premier etiopico Abiy Ahmed firmò una storica pace dopo decenni di inimicizia, che gli fruttò il Nobel per la Pace nel 2019 - sono accusate di aver partecipato alla repressione dell'indipendentismo tigrino nella regione ribelle a fianco delle truppe inviate da Addis Abeba. E con queste ultime condividono anche le accuse di atrocità.
    A dispetto di numerose testimonianze, tanto l'Eritrea quanto l'Etiopia hanno finora negato la presenza di truppe dell'Asmara nel Tigrè.
    Asmara e Addis Abeba - si legge nel messaggio comune inviato alle Nazioni Unite - "hanno presop la decisione comune, al più alto livello, di avviare il ritiro delle truppe eritree e di schierare contestualmente dei soldati etiopici lungo la frontiera" fra i due Paesi, essendo le forze secessioniste del Fronte di liberazione del popolo tigrino (Tplf) ormai "in gran parte respinte", secondo quanto siafferma nella dichiarazione.
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie