Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'appello della madre di Navalny a Putin, 'ridatemi il corpo di mio figlio'. La Farnesina convoca l'ambasciatore russo

L'appello della madre di Navalny a Putin, 'ridatemi il corpo di mio figlio'. La Farnesina convoca l'ambasciatore russo

'Per il quinto giorno non lo vedo, fatemelo seppellire umanamente'. Il Cremlino non accetta un'inchiesta internazionale sulla morte del dissidente. X riattiva l'account di Yulia

MOSCA, 20 febbraio 2024, 22:37

Redazione ANSA

ANSACheck

La madre di Navalny (a destra) con una accompagnatrice © ANSA/EPA

La madre di Navalny (a destra) con una accompagnatrice © ANSA/EPA
La madre di Navalny (a destra) con una accompagnatrice © ANSA/EPA

Il contegno dignitoso, la voce calma ma ferma e gli occhi nascosti dietro un paio di occhiali scuri mentre su di lei cade la neve. Alle sue spalle l'entrata dell'IK-3, la colonia penale nell'Artico dove il figlio è morto il 16 febbraio. Così la madre di Alexei Navalny, Lyudmila, è apparsa in un videomessaggio diretto a Vladimir Putin per chiedere, anzi "pretendere", che le sia consegnato il corpo, che non ha ancora potuto vedere. "Restituite il corpo di Alexei e lasciate che sia sepolto con dignità, non impedite alla gente di salutarlo", le ha fatto eco la vedova, Yulia.

Video La madre di Navalny a Putin: 'Sia restituito il corpo di mio figlio'

Dal Cremlino però non è arrivata nessuna risposta, tranne che per respingere l'accusa mossa ieri dalla stessa Yulia Navalnaya al presidente russo di aver "ucciso" l'oppositore, dopo tre anni in carcere. "Naturalmente, queste sono accuse assolutamente infondate e rozze contro il capo dello Stato russo", ha affermato il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, il quale ieri aveva assicurato che "l'indagine è in corso e vengono intraprese tutte le azioni necessarie al riguardo". La Russia comunque respinge la richiesta di un'indagine internazionale avanzata dall'Alto commissario per la politica estera della Ue, Josep Borrell. E in merito all'annuncio di Navalnaya di voler raccogliere l'eredità del marito, Mosca mostra indifferenza: Putin non ha nemmeno visto il video postato da lei ieri, ha detto Peskov. Stessa indifferenza è stata mostrata dalla vedova nella risposta arrivata a stretto giro di posta: "Non mi importa nulla di come l'addetto stampa di un assassino commenta le mie parole", ha scritto Navalnaya su X. Il team di Navalny ha fatto sapere che ieri alla madre è stato detto che il corpo verrà trattenuto altri 14 giorni per "esami chimici". "Mi rivolgo a lei, Vladimir Putin - ha detto la donna nel video - la soluzione del problema dipende solo da lei. Mi faccia finalmente vedere mio figlio. Pretendo immediatamente che il corpo di Alexei venga consegnato in modo che io possa seppellirlo umanamente".

Italia Viva ha lanciato una petizione perché Renew Europe candidi alle prossime elezioni europee Yulia Navalnaya, che ieri ha partecipato al Consiglio dei ministri degli Esteri della Ue a Bruxelles. Nel corso della riunione, secondo quanto ha fatto sapere il team dell'oppositore scomparso, la vedova ha fatto pressione sui rappresentanti delle diplomazie europee perché vadano oltre le dichiarazioni di solidarietà, e ha chiesto in particolare che l'Ue non riconosca le elezioni presidenziali che si svolgeranno il mese prossimo in Russia, alle quali Vladimir Putin si presenta per un quinto mandato. "Un presidente che ha ucciso il suo principale avversario politico non può essere legittimo per definizione", ha affermato. Intanto gli Usa hanno annunciato attraverso il coordinatore del Consiglio per la sicurezza nazionale, John Kirby, che venerdì vareranno un pacchetto di importanti sanzioni alla Russia per la morte di Navalny. Un giallo ha riguardato invece oggi la sospensione, durata circa un'ora, dell'account che Navalnaya ha aperto soltanto ieri su X (ex Twitter).

I responsabili della piattaforma di Elon Musk hanno detto che il meccanismo di difesa contro la manipolazione e lo spam aveva "erroneamente segnalato" che l'account violava le regole del social network. Da parte sua la Russia ha fatto sapere oggi di aver inserito nella sua lista dei ricercati il fratello di Alexei Navalny, Oleg, senza specificare le accuse. In passato Oleg, che ora vive all'estero, era stato condannato a tre anni e mezzo di reclusione insieme al fratello per accuse di "frode" e poi ancora in contumacia a un anno di reclusione per aver incitato i cittadini a scendere in piazza contro l'arresto di Alexei. Nel frattempo anche un altro noto oppositore in carcere, Ilya Yashin, ha accusato Putin di avere ucciso Navalny. "Fino a quando il cuore batterà nel mio petto, combatterò la tirannia", ha affermato in un messaggio postato sui social media Yashin, che sta scontando una condanna a sette anni e mezzo di reclusione per l'accusa di avere diffuso "false informazioni" sulle forze armate, in base a una legge approvata nel 2022 che ha portato alle condanne di numerosi critici dell'intervento armato in Ucraina. L'oppositore ha scritto che Navalny "è morto da eroe". "Comprendo - ha aggiunto - i miei stessi rischi. Sono dietro le sbarre, la mia vita è nelle mani di Putin, ed è in pericolo. Ma manterrò la mia linea".

 

La Farnesina convoca l'ambasciatore russo per Navalny

L'ambasciatore russo in Italia Alexei Paramonov è stato convocato alla Farnesina per il caso Navalny. Lo apprende l'ANSA da fonti informate.

L'Ue convoca il rappresentante russo

Il direttore generale del Servizio di Azione Esterna dell'Ue per l'Europa orientale, la Russia, l'Asia centrale, Michael Siebert, ha convocato a Bruxelles l'incaricato d'affari della Missione della Federazione russa presso l'Unione europea, Kirill Logvinov. L'Ue ha espresso la propria indignazione per la morte del politico dell'opposizione russa Alexei Navalny, la cui responsabilità finale, si sottolinea, ricade sul presidente Putin e sulle autorità russe. La Russia è stata invitata a consentire un'indagine internazionale indipendente e trasparente.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza