Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il diario della giornata - 26 ottobre

LIVE

Il diario della giornata - 26 ottobre

L'esercito israeliano: 'Nuove incursioni di terra a Gaza'. Il portavoce dell'ala militare di Hamas: 'Uccisi 50 ostaggi nei blitz israeliani'

26 ottobre 2023, 23:17

Redazione ANSA

ANSACheck

ANCORA RAID E RAZZI. L 'ONU, 'A GAZA NESSUN LUOGO SICURO ' © ANSA/AFP

ANCORA RAID E RAZZI. L 'ONU,  'A GAZA NESSUN LUOGO SICURO ' © ANSA/AFP
ANCORA RAID E RAZZI. L 'ONU, 'A GAZA NESSUN LUOGO SICURO ' © ANSA/AFP

Punti chiave

21:24

Fitto lancio di razzi da Gaza su centro Israele e Tel Aviv

Nuove sirene di allarme nel centro di Israele e a Tel aviv per un fitto lancio di razzi dalla Strscia. Lo ha constatato l'ANSA sul posto. In aria si sono sentite alcune esplosioni dovute all'intercettazione dei razzi da parte dell'Iron Dome.

20:14

Famiglie degli ostaggi: 'Pazienza finita, Netanyahu ci riceva'

Centinaia di familiari degli ostaggi e delle persone scomparse nell'attacco di Hamas del 7 ottobre si sono radunati stasera a Tel Aviv per lanciare un messaggio al governo di Benyamin Netanyahu: "La nostra pazienza è finita: riportate indietro gli ostaggi, adesso!". "Chiediamo che il governo ci parli stasera e ci dica come intendono riportarli indietro. Stiamo intensificando la lotta, non aspettiamo più di essere guidati", ha detto Meirav Leshem Gonen, madre di una ragazza rapita, secondo quanto riportato dal Forum delle famiglie.

20:09

Hamas pubblica elenco di 7.000 nomi, 'sono i morti a Gaza'

Hamas ha pubblicato un elenco di circa 7.000 nomi che sostiene essere le persone uccise nei raid israeliani a Gaza dopo il 7 ottobre. L'elenco è stato prodotto il giorno dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato di non credere alle cifre sul bilancio delle vittime fornite dalla fazione palestinese. L'elenco di 6.747 nomi specifica il sesso, l'età e i numeri di carta d'identità delle persone uccise. Il governo di Hamas afferma di essere in attesa della verifica dell'identità di altri 281 corpi.

20:02

L'esercito di Israele, 'nuove incursioni di terra a Gaza'

 L'esercito israeliano sta continuando in incursioni di terra "locali" dentro la Striscia e proseguirà, aumentandole di intensità, anche nei prossimi giorni. Lo ha detto il portavoce militare Daniel Hagari.

19:54

Israele: "Mosca cacci subito i terroristi di Hamas"

"Hamas è un'organizzazione terroristica peggiore dell'Isis. Israele condanna l'invito di rappresentanti di Hamas a Mosca", considerandolo "un atto di sostegno al terrorismo che legittima le atrocità dei terroristi di Hamas. Chiediamo al governo russo di espellere immediatamente i terroristi di Hamas" dal suo territorio. Lo scrive su X il portavoce del ministero degli Esteri israeliano Lior Haiat.

18:43

Israele: 'L'operazione di terra al momento opportuno'

"La manovra militare sul terreno avverrà non appena si saranno create le condizioni opportune": lo ha ribadito il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant in una conferenza stampa al ministero a Tel Aviv. Gallant ha aggiunto che finora Israele conduce a Gaza "una guerra precisa, micidiale e possente" che fra l'altro semina distruzione nelle strutture militari sotterranee di Hamas. "Abbiamo un solo obiettivo: vincere", ha affermato più volte, aggiungendo comunque che per Israele "la liberazione degli oltre 200 ostaggi è un dovere supremo".

17:33

Israele, ucciso il vice capo dell'intelligence di Hamas

L'esercito israeliano rende noto di aver ucciso in un attacco aereo il vice capo dell'intelligence di Hamas, Shadi Barud, considerato il braccio destro del capo politico dell'organizzazione terroristica, Yahya Sinwar. Barud è ritenuto da Israele tra i responsabili della pianificazione dell'attacco di Hamas del 7 ottobre insieme a Sinwar.

17:23

Mosca, 'discusso con Hamas di liberazione degli ostaggi'

La Russia ha discusso in un incontro con Hamas a Mosca della liberazione degli ostaggi e dell'evacuazione dei russi dalla Striscia di Gaza. Lo ha riferito alla Tass il ministero degli Esteri russo. "Un membro dell'ufficio politico del movimento di resistenza islamico Hamas, Abu Marzuk, si trova a Mosca", ha precisato il ministero.

16:48

La Palestina all'Onu: 'A Gaza uccisi 3.000 bimbi, una barbarie'

"Fermate le bombe e salvate vite. Le vite dei 2,3 milioni di civili a Gaza, le vite dei bambini, 3.000 bambini innocenti sono stati uccisi da Israele nelle ultime tre settimane". Lo ha detto l'ambasciatore palestinese all'Onu Ryad Mansour alla sessione speciale di emergenza dell'Assemblea Generale Onu, parlando con la voce rotta. "E' questa la guerra che alcuni di voi stanno difendendo? Questa guerra può essere difesa? Questi sono crimini, sono barbarie. Fermatela per le vite che ancora possono essere salvate".

16:35

L'Onu condanna Hamas e respinge gli attacchi d'Israele ai civili

"Condanno l'attacco di Hamas contro Israele, la cui brutalità è inaccettabile e non ha spazio in questo mondo. Allo stesso modo, respingo l'attacco di civili indifesi a Gaza da parte di Israele. Il diritto di difendersi non deve e non può permettere un attacco di queste proporzioni, le regole di guerra impongono che i civili devono essere protetti a tutti i costi". Lo ha detto il presidente dell'Assemblea Generale Onu, Dennis Francis, aprendo la sessione speciale di emergenza dedicata alla crisi in Medio Oriente. Il quale ha chiesto lo stop delle ostilità e "l'immediata apertura di corridoi umanitari per gli aiuti a Gaza".

16:25

Hamas: circa 50 ostaggi uccisi a Gaza dagli attacchi di Israele

Il portavoce dell'ala militare di Hamas, Brigate al Qassam, Abu Obeida ha detto su Telegram che durante gli attacchi israeliani alla Striscia sono stati uccisi circa 50 ostaggi a Gaza.

15:51

Meloni: "Contro Hamas dobbiamo dare maggior peso all'Anp"

"Credo che uno degli strumenti più efficaci per sconfiggere Hamas sia dare concretezza e tempistica alla questione palestinese. Dare maggiore peso all'Autorità nazionale palestinese. Questo è un ruolo che l'Europa può giocare". Lo ha sottolineato Giorgia Meloni arrivando al consiglio straordinario europeo a Bruxelles.

14:05

Israele: ucciso un comandante di Hamas a Khan Younis

L'esercito israeliano ha ucciso in un attacco sulla Striscia il Comandante di Hamas responsabile del lancio di razzi della zona di Kahn Younis, Hassan Al-Abdullah. Lo ha fatto sapere il portavoce militare. Ieri era stato ucciso il suo vice Taysir Mubasher.

14:03

Il Papa a Erdogan: auspico la soluzione dei due Stati

"Posso confermare che questa mattina si è svolta una conversazione telefonica tra il Papa e il Presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdoğan. La comunicazione, richiesta da quest'ultimo, si è incentrata sulla situazione drammatica in Terra Santa. Il Papa ha espresso il suo dolore per quanto avviene e ha ricordato la posizione della Santa Sede, auspicando che si possa arrivare alla soluzione dei due Stati e di uno statuto speciale per la città di Gerusalemme". Lo riferisce il portavoce vaticano, Matteo Bruni

14:03

L'Ue non ha doppi standard su Gaza, unità sia nostra forza

"L'Unione Europea non ha doppi standard" quando si tratta della guerra fra Hamas e Israele. Lo ha detto il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel poco prima dell'inizio del vertice. "Noi crediamo in un sistema basato sui valori e il rispetto delle regole e sia io che i miei colleghi continuiamo a spiegarlo ai nostri partner del Sud Globale". "Ma c'è chi nel mondo usa questo argomento per attaccare l'Ue e instillare dubbi sulla nostra credibilità: questo momento è importante dal punto di visto geopolitico e la nostra unità sarà la nostra forza nei nostri rapporti con il Sud Globale".

12:48

Razzi da Gaza nel centro di Israele e zona grande Tel Aviv

 Una salva di razzi è stata lanciata poco fa verso il centro di Israele e nella zona grande di Tel Aviv. Lo ha fatto sapere l'esercito. In aria si sono potute sentire l'eco di forti esplosioni dovute all'intercettazione dei razzi da parte dell'Iron Dome. 

12:07

Gantz: 'Un ruolo Usa? Israele decide solo in base a suoi interessi'

 "Prendiamo decisioni basate solo sui nostri interessi". Lo ha detto Benny Gantz - ex capo di stato maggiore e leader centrista entrato nel governo di emergenza nazionale di Benyamin Netanyahu - riferendosi alle notizie che gli Usa abbiano ritardato l'ingresso delle truppe di terra a Gaza, anche se ha sottolineato di apprezzare "l'aiuto fornito dagli americani". Gantz ha anche aggiunto che l'intera leadership israeliana - lui compreso - deve essere "ritenuta responsabile" per quello che è successo lo scorso 7 ottobre. "Ci aspettano tempi duri", ha detto. 

11:51

Israele, 'Un sito di lancio razzi vicino ad una moschea e ad un asilo nido'

 Sono stati più di 250 gli obiettivi di Hamas colpiti da Israele nelle ultime 24 ore. Lo ha fatto sapere il portavoce militare secondo cui sono stati centrati infrastrutture, centri operativi di comando, imbocchi di tunnel e postazioni di lancio dei razzi "piazzati nel cuore di aree civili". Inoltre, la marina israeliana ha colpito una postazione di lancio di missili di superfice nell'area di Khan Younis, nel sud della Striscia. La postazione - ha spiegato l'esercito - era adiacente ad una moschea e un asilo nido: "Un'ulteriore prova che Hamas usa deliberatamente luoghi civili a fini terroristici". 

11:41

Israele, 'Hamas blocca le strade per la popolazione diretta a sud di Gaza'

Il portavoce militare israeliano ha diffuso il contenuto di una telefonata - registrata - tra un ufficiale dell'intelligence dell'esercito di Israele (unità 504) e un residente della Striscia di Gaza nella quale questi conferma i posti di blocco messi da Hamas per non far andare al sud la popolazione, nonostante gli inviti dell'esercito stesso.

 "Per la vostra personale sicurezza - dice l'ufficiale - vi chiedo di andare verso Khan Younis", che si trova nel Sud della Striscia. "Tutte le strade - questa la replica del residente di Gaza - sono bloccate da Hamas che manda indietro la gente". 

11:17

Parigi verso il divieto alla manifestazione pro-palestinesi di sabato

 ll prefetto di polizia di Parigi, Laurent Nuñez, ha annunciato ai microfoni di radio France info l'intenzione di vietare la manifestazione pro-palestinesi prevista per sabato nella capitale francese. Nunez ha dichiarato che le organizzazioni che promuovono la protesta hanno, ''attraverso alcune dichiarazioni", lasciato intendere una forma di "sostegno ad Hamas". Tra queste organizzazioni, ha precisato, "ci sono il Capjpo, la rappresentanza del fronte di liberazione della Palestina in Francia o ancora il Nouveau Parti anticapitaliste (Npa)".

Il prefetto motiva il divieto evocando un criterio "morale'', sostenendo che "la turbativa dell'ordine pubblico può essere immateriale", secondo una sentenza del consiglio di Stato "che risale agli anni Ottanta". "Il fatto che si possano pronunciare dichiarazioni negazioniste, antisemite o di sostegno al terrorismo rappresenta per noi un problema", ha sottolineato Nunez.

In un parere del 18 ottobre, il Consiglio di Stato francese ha lasciato campo libero ai prefetti per decidere se vietare o meno queste manifestazioni. Il conflitto israelo-palestinese è un tema altamente sensibile in Francia, Paese con la più importante comunità ebraica d'Europa (circa 500mila persone) e circa sei milioni di musulmani. La situazione si è infiammata dopo l'attacco del 7 ottobre scorso di Hamas contro Israele e le successive rappresaglie israeliane nella Striscia di Gaza. 

11:17

Sale a 1.117 il numero dei morti israeliani identificati

 E' salito a 1.117 il numero dei morti israeliani identificati. Lo ha fatto sapere la polizia secondo cui del totale i civili sono 808 e 309 i soldati. Il totale dei morti in Israele è di 1.400. 

10:49

Erdogan al Papa, 'a Gaza è in corso un massacro'

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che "gli attacchi israeliani contro Gaza hanno raggiunto il livello del massacro" durante una telefonata con Papa Francesco. Lo fa sapere la presidenza di Ankara aggiungendo che, durante il colloquio, Erdogan ha criticato la mancanza di indignazione da parte della comunità internazionale rispetto agli attacchi contro la Striscia. 

 Citando gli aiuti umanitari per la popolazione della Striscia inviati da Ankara, Erdogan ha lanciato un appello per sostenere gli sforzi della Turchia e ha affermato che "la pace permanente nella regione, che ospita i luoghi sacri delle tre religioni monoteistiche, sarà possibile solo con la creazione di uno Stato di Palestina indipendente, sovrano e geograficamente integrato ai confini del 1967, con Gerusalemme Est come capitale". 

"Gli attacchi su Gaza hanno già superato il limite dell'autodifesa e sono diventati massacri, crudeltà e barbarie". Lo ha affermato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan durante una conferenza trasmessa dalla tv di Stato Trt. "La Commissione europea ha detto ieri che non può chiedere un cessate il fuoco, quanti bambini dovranno ancora morire per arrivare a questo?", ha affermato Erdogan. "Parlano di diritti umani ma stanno ignorando i diritti della popolazione di Gaza da 19 giorni", ha aggiunto il presidente turco.

 Il ministro della Sanità turco Fahrettin Koca ha affermato che i servizi sanitari devono essere garantiti nella Striscia di Gaza in una lettera indirizzata al direttore dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus. Nella lettera, Koca ha chiesto che l'Oms adotti "iniziative urgenti e necessarie per garantire i servizi sanitari" soprattutto per i bambini, fa sapere la tv di Stato turca Trt. 

10:40

Israele, il numero aggiornato degli ostaggi è salito a 224

E' salito a 224 il numero aggiornato degli ostaggi ancora in mano di Hamas a Gaza. Lo ha riferito il portavoce militare Daniel Hagari, dopo che ieri aveva menzionato un numero complessivo di 222. Hagari ha spiegato che Israele compie un vasto sforzo operativo e di intelligence per continuare ad acquisire nuove informazioni sulla loro sorte. "La loro liberazione ha per noi la massima priorità", ha ribadito.

10:38

Israele, incursione terrestre Gaza a prepara fasi successive

L'incursione terrestre nel settore nord di Gaza condotta stamane da forze di fanteria e da mezzi blindati israeliani "rientra nei nostri preparativi per la prossima fase della guerra": lo ha dichiarato il portavoce militare Daniel Hagari. Nel corso della operazione, durata alcune ore, i militari "hanno ucciso terroristi, e distrutto infrastrutture terroristiche di Hamas. Hanno disinnescato ordigni, e neutralizzato imboscate. Il tutto per preparare il terreno alle prossime fasi della guerra". Al termine della incursione le forze israeliane hanno lasciato l'area, ha concluso Hagari, ''senza aver subito vittime''. 

09:47

Zuppi, Hamas è peggiore nemico del popolo palestinese

"C'è bisogno di una soluzione che garantisca i diritti delle due parti, c'è tanto bisogno di una leadership palestinese autorevole, in grado di difendere il suo popolo. Hamas è il peggiore nemico del popolo palestinese". Così il presidente della Conferenza Episcopale Italiana e arcivescovo di Bologna Matteo Maria Zuppi interviene sul conflitto in Medio Oriente a Genova a margine alla 40ma assemblea dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani.

09:25

Onu: 'Nessun luogo è sicuro a Gaza'

"Nessun luogo è sicuro" a Gaza tra i bombardamenti israeliani: lo afferma l'Onu. Gli "avvisi anticipati" emessi dall'esercito israeliano alle popolazioni affinché evacuino le aree che intende prendere di mira "non fanno alcuna differenza": "Nessun luogo è sicuro a Gaza": lo ha affermato in un comunicato la coordinatrice degli Affari umanitari dell'Onu per i territori palestinesi, Lynn Hastings.

08:20

Raid aereo israeliano nella Striscia, 18 morti a Khan Yunis

 Almeno 18 persone sono morte e 40 sono rimaste ferite in un raid aereo israeliano mirato contro la famiglia di Yunis Al Astal, membro di Hamas, a Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza. Lo riferiscono all'ANSA fonti locali. 

08:11

Fonti, 'il rilascio degli ostaggi potrebbe avvenire in due giorni'

 Il rilascio di un significativo numero di ostaggi in mano di Hamas a Gaza potrebbe avvenire "in pochi giorni". Lo hanno detto fonti israeliane e straniere citate da Haaretz. Una di queste ha aggiunto che le due parti sperano di definire l'accordo "in due giorni, forse anche meno in base all'andamento dei negoziati". Una fonte al corrente delle discussioni ha poi aggiunto che Israele vuole chiudere il dossier al più presto nel timore che il rimanere coinvolti in una guerra all'interno della Striscia ostacolerebbe la possibilità di rilascio degli ostaggi in una fase successiva. 

07:38

Ambasciatore Israele in Usa, 'diamo la possibilità per il rilascio degli ostaggi'

 Israele sta offrendo "un'opportunità affinchè gli ostaggi siano rilasciati". Lo ha detto, parlando con la Radio Militare, Michael Herzog, ambasciatore israeliano negli Usa. "Quello che chiediamo - ha spiegato - è l'immediato e incondizionato rilascio di tutti gli ostaggi". Riferendosi poi alle voci sul fatto che Israele stia dilazionando l'ingresso a Gaza per dare ai mediatori la possibilità di far rilasciare i 222 ostaggi, Herzog ha risposto: "Trattenere ostaggi è un crimine di guerra. Non voglio commentare oltre questo argomento". 

07:01

Esercito, 'blitz mirati nel nord di Gaza'

 L'esercito israeliano ha detto di aver condotto "blitz mirati" all'interno del nord della Striscia usando tank" nell'ambito dei preparativi per le "prossime fasi dei combattimenti". "I soldati - ha aggiunto - sono poi usciti dall'area alla fine dell'attività".  Durante l'incursione nel nord della Striscia l'esercito israeliano "ha localizzato e colpito numerosi terroristi, infrastrutture terroristiche e postazioni di lancio di missili anticarro, e hanno operato per preparare il campo di battaglia". Lo ha fatto sapere il portavoce militare. 

 Il raid della notte scorsa all'interno della Striscia con i tank e i soldati è il primo del genere dall'avvio delle ostilità. In precedenza erano entrati - e poi usciti - dei commando con l'obiettivo di localizzare ostaggi, individuare corpi di israeliani uccisi durante l'attacco dello scorso 7 ottobre, acquisire informazioni ed eliminare sacche di resistenza sul bordo della Striscia. 

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza