Etiopia: attacco armato a un pullman, almeno 34 morti

Violenza etnica. Abiy accusa Sudan, conflitto Tigray estraneo

Persone armate hanno fermato un pullman e ucciso almeno 34 persone che erano a bordo nella regione di Benishangul-Gumuz, nell'ovest dell'Etiopia, dove nelle ultime settimane sta montando la violenza interetnica. Lo ha denunciato la Commissione etiopica per i diritti umani (Ehrc).


    Il premier etiopico, Ahmed Abiy, ha accusato il Sudan di addestrare e proteggere i terroristi, ma ha escluso che ci sia un qualunque legame fra il massacro e il conflitto in corso nella regione autonoma di Tigray. 

Qui circa 25.000 civili sono in fuga dalla regione autonoma dov'è in corso un conflitto con il governo federale etiopico, sono riparati nel vicino Sudan.L'agenzia sudanese Suna  aggiunge che le agenzie dell'Onu preposte, fra cui l'Unhcr, si stanno dando da fare per fornire supporto ai profughi. "Il numero di rifugiati etiopi che si è riversato negli stati (sudanesi) di Gadaref e Kassala da sabato sono 24.944", dive la Suna.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie