• Coronavirus: primo caso in una tribù amazzonica in Ecuador

Coronavirus: primo caso in una tribù amazzonica in Ecuador

Nella tribù Waoran, ha colpito una ragazza incinta di 17 anni

Un primo caso di coronavirus tra gli indigeni di una delle tribù amazzoniche dell'Ecuador è stato riferito dal ministero della Salute del Paese.
Le organizzazioni Waorani - parlando attraverso la GO Alliance for Human Rights in Ecuador (DDHH) - hanno avvertito che la diffusione di COVID-19 potrebbe essere "catastrofica e altamente letale" per la loro comunità, altamente vulnerabile alle malattie.

Il primo caso riportato nella tribù Waoran ha colpito una ragazza incinta di 17 anni, "che ha iniziato a manifestare sintomi il 4 maggio", ha affermato il ministero in una nota. La giovane è stata portata in un ospedale nella capitale Quito e messa in isolamento, si afferma nella nota, senza fornire ulteriori dettagli. Il governo federale - in coordinamento con i leader indigeni - ha ricostruito, testando 40 persone, che la donna era entrata in contatto con membri della comunità Miwaguno, che conta 140 abitanti. In quel contesto "sono state individuate 17 persone con una storia di sintomi respiratori. Ad oggi, sei di loro ne presentano ancora. In totale, tra le persone considerate più a rischio, "sono stati eseguiti 20 test rapidi e un totale di sette tamponi rinofaringei", ha detto il ministero della salute, senza precisare i risultati dei test. L'Ecuador, uno dei paesi più colpiti in America Latina, è ora nel suo secondo mese di blocco per rallentare la diffusione del coronavirus. Finora ha riferito un bilancio ufficiale di circa 33.000 casi e oltre 2.700 morti.(ANSA-AFP).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie