Economia

Borsa: Milano tiene con Enel e Saipem, debole Unicredit

In linea con Europa. Bene Saras (+5%) con tensioni su carburanti

(ANSA) - MILANO, 30 AGO - Prima giornata di settimana piatta per Piazza Affari che si è mossa in linea con l'Europa: l'indice Ftse Mib ha concluso in frazionale aumento dello 0,07% a 26.024 punti, l'Ftse All share in crescita dello 0,10% a quota 28.625.
    Dopo che il presidente della Fed Powell al vertice di Jackson Hole ha sostanzialmente ribadito i messaggi dei verbali del Fomc di luglio, mantenendo toni accomodanti nei confronti dell'inizio della riduzione degli interventi di sostengo all'economia, nel Vecchio continente i movimenti sono stati molto contenuti: Parigi ha infatti concluso in marginale aumento, Francoforte in crescita dello 0,2%, mentre Madrid è stata l'unica Borsa chiaramente debole con un ribasso finale dello 0,6%.
    A Milano tra i titoli principali il migliore è stato Interpump, salito del 2,2%, seguito da Saipem e Stm cresciuti entrambi dell'1,5%. Bene la big di capitalizzazione Enel, in aumento finale dello 0,9%, piatte in genere le banche con lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni a 105 punti base, ma Bper e Unicredit, dopo i recenti rialzi, sono scese rispettivamente dell'1,1% e dell'1,6%.
    Nel paniere a minore capitalizzazione, il Monte dei Paschi di Siena è salito dello 0,4% mentre continua a scivolare Carige (-1,4% finale), sui minimi da quando è rientrata in Piazza Affari. Per le tensioni dei prezzi dei carburanti, forte rialzo invece per Saras, salita del 5,4% a 0,7 euro. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie